EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE cerco garage/magazzino pe...
    • VARIE cerco tecnico per riparaz...
    • VENDO macchina per maglieria se...
    • VENDO vendo coppia pneumatici m...
    • VENDO vendo 2 gomme semi nuove ...
    • VENDO scarpiera 4 ante tinta le...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    diritto, edizione cartacea, esperti

    01 Luglio 2010 | in categoria/e diritto edizione cartacea esperti

    DIRITTO UTILE - Violenza nel corso di eventi sportivi: il "d.a.spo."

    DIRITTO UTILE - Violenza nel corso di eventi sportivi: il "d.a.spo."

    A cura dell'avv. Gabriele Trossarello - Contatti 0185.938009 redazione@corfole.com

    Il crescente fenomeno della violenza durante le manifestazioni sportive, in particolare quelle calcistiche, ha indotto il legislatore ad inserire nel nostro ordinamento misure di sicurezza sempre più restrittive in linea con quelle adottate dagli altri Paesi d’Europa. La prima normativa nazionale in tal senso è stata introdotta con la legge 13 dicembre 1989, n. 401 a cui sono seguiti una serie di decreti - legge per far fronte al proliferare di fenomeni di violenza dentro e fuori dagli stadi, per giungere infine alla c.d. “legge Amato”, emanata nel 2007 sulla scia dei tristi eventi verificatisi al termine del derby di serie A tra Catania e Palermo, culminati con la morte dell’ispettore Raciti. Il “d.a.spo.” è il divieto di accedere alle manifestazioni sportive e costituisce, ad oltre vent’anni dalla sua introduzione, il cardine del sistema di repressione e prevenzione delle condotte criminose nei luoghi ove si svolgono gare agonistiche. E’ il questore a disporre il “d.a.spo.” vietando ai destinatari l’accesso agli impianti ove si disputano le competizioni in questione ed eventualmente ordinando agli stessi di recarsi personalmente presso l’ufficio o comando di polizia durante gli orari in cui hanno luogo le partite. Vengono colpiti dal “d.a.spo.” coloro i quali, in occasione di eventi sportivi, siano stati denunciati o condannati per possesso di armi, oggetti atti ad offendere ed immagini e simboli razzisti o discriminatori, per essere stati protagonisti di violenze, lancio di oggetti, superamento di recinzioni, occultamento della propria identità con caschi o quant’altro o per aver incitato o indotto altri a mettere in atto tali condotte. Il “d.a.spo.” inoltre si applica anche ai minori di 18 anni, purchè abbiano compiuto gli anni 14, il provvedimento del questore viene notificato a coloro i quali esercitano la patria potestà. Il divieto di presenziare alle manifestazioni può avere durata minima di uno, per arrivare ad un massimo di 5 anni e si applica a comportamenti verificatisi in un arco temporale compreso fra le 24 ore precedenti e le 24 successive allo svolgimento degli eventi. Dal punto di vista procedurale, il provvedimento va comunicato al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale del luogo ove sono avvenuti i fatti, il quale ne chiede la convalida al giudice per le indagini preliminari entro 48 ore dalla notifica. La normativa del 1989 prevede, per una serie di reati, la cosiddetta “flagranza differita” nel caso in cui non sia possibile procedere immediatamente all’arresto del colpevole per ragioni di sicurezza ed incolumità pubblica, ci si avvale della documentazione video – fotografica per l’individuazione del soggetto che sarà poi arrestato entro le 48 ore successive al fatto. Presupposti del “d.a.spo.” sono dunque: l’identità certa del soggetto, la pericolosità dello stesso, un fatto avvenuto in occasione di manifestazioni sportive, l’informativa di reato e la comunicazione al soggetto dell’inizio del procedimento a suo carico. Al momento estromettere e quindi privare del piacere di assistere alle gare gli individui più pericolosi, anche sulla base di una semplice denuncia, appare il miglior strumento per rendere sicuri stadi, impianti sportivi e zone immediatamente prossime ad essi.


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Non andare in causa, concilia: risolvi senza i costi e i problemi di un'azione legale

      La conciliazione ha lo scopo di risolvere i contrasti grazie all'intervento di una terza persona imparziale, professionale ed esperta: il mediatore. L’efficace opera del mediatore rende facile il dialogo tra le parti, agevola una discussione costruttiva sull'oggetto del contrasto, permette di individuare ed esaminare minutamente tutte le possibili soluzioni del conflitto; di conseguenza, &eg...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...