EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    I regali delle Feste? Li cucino io! I biscottini di Natale: belli da vedere, buoni da mangiare e... perfetti per addobbare

    Diciamoci la verità, abbiamo ormai tutto e spesso i regali sono doppioni o superflui. Una cosa che invece non si può mai replicare è la gioia di qualcosa che è stato fatto ...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualità

    10 Novembre 2023 | in categoria/e attualita

    IL CASO - A Chiavari va in scena il Festival del bavaglio sulla parola

    IL CASO - A Chiavari va in scena il Festival del bavaglio sulla parola

    Per un commento parte la denuncia dell’amministrazione: chiude il gruppo Mugugni di Chiavari

    di Giansandro Rosasco


    Da editore libero di Corfole il Corriere del Levante, testata indipendente e senza finanziamenti pubblici che si rivolge a decine di migliaia di lettori in tutto il comprensorio, posso scrivere che abbiamo sempre permesso ai nostri giornalisti e collaboratori di esprimersi liberamente, senza distinzioni di preferenze politiche. Non posso quindi che essere rattristato dalle vicende del gruppo Facebook “Mugugni del Comune di Chiavari”, sospeso a seguito delle denunce dell’amministrazione chiavarese per un commento offensivo rivolto a un esponente della giunta comunale. Seguivo questo gruppo come ne seguo altri del Tigullio, tuttavia Chiavari per me ha un posto particolare nel cuore: è dove da ragazzo percorrevo Viale Millo per frequentare l’Istituto Tecnico Commerciale e dove d’estate mi godevo il sole e le spiagge. E’ quindi sempre stata la mia “seconda casa” e anche per questo l’idea che venga chiuso un gruppo che ne parla(va), mi spinge ad occuparmene.

    Tutto a causa di un commento inopportuno

    Il gruppo, dicevo, era uno spazio di libertà, peraltro sempre moderato da persone sensibili ad accettare tutti gli argomenti e ad eliminare sul nascere i post con quelle inutili offese che servono solo come sfogatoio personale o attacco politico, ma che non danno alcun contributo al confronto. Ci sono però i commenti, e su questo i moderatori non possono fare molto. La piattaforma di Facebook, una volta approvato un post, permette a tutti di esprimersi senza possibilità preventiva di censura. Spesso la rimozione da parte degli amministratori delle opinioni contenenti offese avviene appena ci si accorge del fattaccio; ma centinaia, migliaia di commenti al giorno sono spesso impossibili da controllare.
    Certamente è vero che una persona non può essere calpestata od offesa, quindi una ragione l’Amministrazione chiavarese ce l’ha ed è giusto che si persegua chi ha offeso la singola persona, ma non il contenitore delle informazioni che è del tutto privo di responsabilità così come i suoi amministratori o collaboratori. E’ una follia.
    Va ricordato che queste persone dedicano il loro tempo senza alcun guadagno e il loro mestiere non è quello di essere editori, direttori responsabili o giornalisti. Sono dei cittadini comuni che in maniera del tutto gratuita e volontaria hanno creato e gestiscono un luogo in cui è possibile confrontarsi sui temi della città con eventi, curiosità, fatti di cronaca, ricordi, segnalazioni entusiastiche e critiche.
    Andrebbero quindi premiati perché permettono di evidenziare le magagne senza intasare “gli uffici preposti” e se la politica fosse furba al posto di offendersi potrebbe cogliere gli spunti per migliorare la propria azione e rafforzare il proprio lavoro anche, perché no, in vista delle elezioni future. Non a caso, un grande stratega come Napoleone disse saggiamente: “Non leggo mai i giornali al mattino perché stampano solo quello che voglio io”. In effetti, cosa c’è di più inutile e noioso di una stampa (o altro media) ossequiosa?

    Ci siamo abituati alla censura?

    Credo che occorra da parte della gente e del giornalismo una presa di posizione a tutela della libera informazione che oggi passa anche dai social. Far tacere delle voci è quanto di più inopportuno si possa fare. Aggiungo una considerazione: i social sono un volano delle nostre idee e io stesso ho creato gruppi e pagine per i diversi interessi che ho: territoriali, ricreativi, sociali. Sono stato fatto oggetto di denuncia penale non solo per le notizie su Corfole, ma anche per quelle pubblicate on line. Ne sono sempre uscito vincitore e pulito ma ho comunque dovuto pagare un avvocato perché nell’ambito del diritto penale la possibilità difendersi è preclusa ai cittadini. Qui si apre un altro capitolo, a livello nazionale. Intanto per un’offesa, per quanto sgarbata possa essere, è giusto che venga punita: una sanzione sarebbe più che sufficiente senza dover ricorrere ad avvocati. Inoltre, depenalizzare quello che alla fine è un reato di parola, permetterebbe di liberare giudici e soldi pubblici per cause ben più meritevoli. Se ne parla da tanto tempo e ora con l’avvento dei social e il moltiplicarsi della possibilità di espressione pubblica, sarebbe ora che la politica nazionale si svegliasse, mettendo mano a questa stortura che ha ancora chiare reminescenze del Codice Rocco il quale ha sempre dato ampiamente prova di involuzioni in senso autoritario.

    Un gruppo sostitutivo, in attesa delle conclusioni

    Tornando al livello locale, ho deciso di appoggiare le azioni del Gruppo dei Mugugni di Chiavari (premetto che non conosco personalmente nessuno dei gestori) affiancandone uno nuovo: “Mugugni di Chiavari 2.0”. Sarà totalmente libero, senza approvazione dei post: ognuno potrà pubblicare quello che vuole. E ne sarà responsabile direttamente. Perché quando si offende, si critica malamente, si usano parole e toni inappropriati, la realtà e che si dice poco sull’oggetto o sulla persona in questione, ma si dice molto di sé. Quindi sta ad ognuno di noi prendersi la responsabilità del proprio agire. Chi condivide questa idea può aderire e pubblicare in maniera responsabile, chi invece non è d’accordo o vuole darmi un feedback, può scrivermi a info@corfole.com. Questo gruppo affiancherà solo momentaneamente quello che è stato messo in pausa, poi sarà dato in gestione o accorpato. O eliminato se non servirà più. Nella massima libertà per coloro che hanno gestito il Gruppo dei Mugugni e che ora sono in una fase legale delicata e dalla quale si spera escano presto. Per concludere: la chiusura del gruppo non è stata voluta dall’amministrazione ma è comunque una diretta conseguenza della denuncia in quanto è normale che chi gestisce una pagina facebook in forma gratuita si spaventi ed è quindi lecito pensare da parte dei cittadini che si tenti di zittire una fonte di critiche. Si spera quindi che l’amministrazione chiavarese ponga rimedio e ne daremo spazio. Perché nel Comune dove è stato creato il Festival della Parola, un bavaglio alla libertà di espressione non può proprio esistere.




     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO