EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO vendo camera a ponte come...
    • VENDO vendo scarpiera 4 cassett...
    • VENDO vendo valigetta metallo p...
    • VENDO vendo camera matrimoniale...
    • VENDO vendo seggiolino auto beb...
    • VENDO vendo panca multifunzione...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    attualita, edizione cartacea, vergogna

    di Michela De Rosa | 10 Dicembre 2013 | in categoria/e attualita edizione cartacea vergogna

    Il nostro paese? L'hanno perso al gioco. Rincari, accise, nuove tasse e aumento Iva per trovare i MILIONI di Euro “necessari alla ripresa”: ricordiamogli i 98 MILIARDI ai gestori delle slot

    Il nostro paese? L'hanno perso al gioco. Rincari, accise, nuove tasse e aumento Iva per 
trovare i MILIONI di Euro “necessari alla ripresa”: ricordiamogli i 98 MILIARDI ai gestori delle slot

    I negozi chiudono, le aziende scappano, i giovani sono senza lavoro e non si contano i padri e le madri di famiglia che si sono ritrovati da un giorno all’altro senza stipendio o, c’è da dire i fortunati, con uno stipendio ridotto. Nessuno compra case e metà Italia è in vendita. In questo meraviglioso panorama il nostro Governo “per risanare” cosa fa? Aumenta le tasse, le accise, l’Iva e rende impossibile fare impresa, piccola o grande che sia. Eh, ma occorre recuperare centinaia di milioni di Euro. E allora spremi di qua, aumenta di là... gli imprenditori falliscono e le famiglie cedono. Eppure potevamo avercene d’avanzo. D’avanzo! Si chiudevano i buchi e ce n’erano anche per rilanciare l’economia. Bastava incassare.  E invece no.  Meglio chiudere anche le Aziende di trasporto e aiutare le slot-machine, che stanno rovinando migliaia di famiglie. Sì perché, come molti sanno ma è bene ricordarlo, nel 2004 dieci società private hanno iniziato questa  attività sottoscrivendo un  “Contratto di Concessione-Convenzione” con i Monopoli di Stato. Non avendo rispettato per tre anni quanto previsto, la Guardia di Finanza, dopo due anni di inchiesta, ha notificato un accertamento, ineccepibile, di 98 miliardi di Euro. Avrebbe significato niente IMU o cugine varie, niente aumento dell’Iva, riprendere i consumi e le assunzioni. Ma “inspiegabilmente” (un servizio de LE IENE ha rivelato le connessioni tra politici di spicco e queste aziende) nel 2008 il Parlamento italiano ha approvato “direttive” che sono andate a modificare retroattivamente il Contratto del  2004, invalidando così l'accertamento di 98 MILIARDI di euro. Secondo il MIL (Movimento Indipendentista Ligure) così facendo si è contravvenuto alle direttive europee, ai sensi dell'articolo 107 TFUE e intende inviare un esposto  alla Commissione Europea competente.

    Tratto da CORFOLE! del 12/2013, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      FISCO E LAVORO - Come chiedere l'esenzione del canone RAI

      Dal 2016 scatta la presunzione di possesso di apparecchio soggetto all'addebito del canone RAI per tutti gli intestatari di utenza di energia elettrica nella casa di residenza anagrafica. Chi non possiede una Tv ha l'onere di dichiararlo, annualmente, al fine di evitare l'addebito. Con un provvedimento del 24/3/2016 l'Agenzia delle Entrate ha presentato il modulo d...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...