EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Non buttate le foglie dei ravanelli! Ottime per mille preparazioni in cucina, a cominciare dal pesto

    Stavo pulendo dei ravanelli e guardando tutte quelle belle foglie mi sono chiesta “possibile che non servano a nulla?”. Cerca cerca scopro che sono un (...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    cultura, edizione cartacea, storia locale

    di Silvia Franchi | 09 Luglio 2011 | in categoria/e cultura edizione cartacea storia locale

    Quando non si guardava Sinatra ‘per non disturbarlo': Portofino tra vip di ieri e di oggi, con un ricordo a Montanelli

    Quando non si guardava Sinatra ‘per non disturbarlo': Portofino tra vip di ieri e di oggi, con un ricordo a Montanelli

    Humphrey bogart e Lauren Bacall (foto 1), Rita Hayworth e Rex Harrison, Liz Taylor e Richard Burton. E poi ancora Jennifer Lopez (foto 2), la principessa Rania di Giordania (foto 3), i principi di Monaco, Dolce&Gabbana (foto 3, con l’attrice Eva Mendes), Paris Hilton, la famiglia Berlusconi (foto  4), i rampolli di casa Agnelli, Bono Vox, Antonio Cassano, Madonna (foto 5) Leonardo di Caprio e Steven Spielberg (foto 6) Cos'hanno in comune questi personaggi di ieri e di oggi? La celebrità, verrebbe da dire. Il denaro, aggiungerebbe più malignamente qualcun altro. Non solo. Ad accomunare questi ed altri volti del jet set è un luogo. O meglio, una delle cornici più celebri al mondo: la piazzetta di Portofino. Tutti loro l'hanno calcata. Tutti loro sono stati immortalati con le tipiche case in stile marinaro sullo sfondo. Tutti loro – o almeno, la maggior parte – ha cenato o gustato un aperitivo ai tavolini dei locali esclusivi che si affacciano sul porticciolo.
    Stesso scenario da sogno, ma contesti diversi. Perché va bene che Portofino è Portofino. Tuttavia, la famigerata macchina dello star system non ha risparmiato neppure il Borgo. Se le immagini in seppia rimandano all'atmosfera dorata della Dolce Vita, quando i divi di Hollywood passeggiavano indisturbati sul selciato di calata Marconi, oggi le riviste di gossip sono costellate di immagini che vedono i vip mollemente adagiati sui prendisole degli yacht ormeggiati a baia Cannone: postazione che abbandonano per un rapido giro nelle boutique con i volti ben celati dagli occhiali da sole o cappellini calcati sulla testa per evitare di attirare l'attenzione dei curiosi. Niente a che vedere con il passato. Un esempio? Si dice che a Portofino, negli “anni d'oro”, vedendo Frank Sinatra seduto ai tavolini del celebre american bar “La Gritta”, un barcaiolo abbia intimato ad un  collega di lavoro di non voltarsi: «Non sia mai che pensi che lo stiamo guardando...», avrebbe sussurrato in dialetto genovese. Episodio emblematico della riservatezza che la gente del posto ha sempre mantenuto nei confronti degli ospiti famosi.
    «Il comportamento dei portofinesi è stato lo stesso sin da quando il Borgo iniziava ad essere frequentato da antiche e potenti famiglie italiane – osserva l'ex sindaco e oggi assessore al Demanio Giorgio “Tigre” Devoto – Da parte nostra, abbiamo sempre cercato di essere cordiali con i vip e rispettarne la privacy, anche perché ci fa piacere che continuino a visitarci».
    Il passare degli anni, nonostante ciò, ha visto diversi mutamenti nella liason tra i personaggi del jet set e il Borgo: «In passato le celebrità trascorrevano qui periodi di vacanza più lunghi – prosegue Devoto – Oggi, forse per via di una vita più frenetica dovuta agli impegni di lavoro, fanno spesso una “toccata e fuga”». C'è poi un aspetto che crea una differenza fondamentale tra ieri e oggi. I divi di una volta, a differenza delle tante “starlette” che sgomitano per un posto nel piccolo schermo, avevano meno smanie di protagonismo. «Mi torna in mente un signore che per due anni ha trascorso le estati a Portofino – prosegue il “Tigre” -  Spesso scendeva dall'abitazione affacciata sulla piazzetta, dove era ospite di un amico, per venire a trascorrere un po' di tempo con noi ragazzi del posto, che lavoravamo sulle imbarcazioni. Ricordo ancora il nome della sua barca a remi preferita: l'Oca. Solo parecchio tempo dopo siamo venuti a sapere che quell'uomo era Truman Capote. Anche se il personaggio che mi è rimasto più impresso rimane Winston Churchill – prosegue il Tigre – Lo ricordo con il cappello bianco in testa nell'atto di fare il segno di vittoria con le dita. Emanava carisma. Ma mi hanno colpito anche Edoardo VIII e Wallis Simpson, così come Onassis».
    «I vip di oggi sono più schivi e meno affabili rispetto ai volti noti che un tempo venivano a Portofino, dal re di Spagna Juan Carlos a Elizabeth Taylor – fa eco Gianni Cavallaro, che a sua volta siede in consiglio comunale, ma tra i banchi d'opposizione – Sarà che oggi i fan sono molto più “aggressivi”, si accalcano attorno ai personaggi pur di scattare una foto. E poi, a differenza di un tempo, durante l'estate tutti i giorni ci sono almeno tre paparazzi appostati a “caccia” di vip».  Ma Portofino non è solo Martini con l'oliva al tavolino dei locali chic e shopping nei negozi di grandi firme. Negli anni della Dolce Vita, a calcare il territorio del Borgo fu anche uno dei massimi esponenti del giornalismo italiano: Indro Montanelli: «Nella primavera del 1973 scese nel Tigullio con le telecamere della Rai per realizzare una trasmissione, “Montanelli-Portofino”, che andò in onda in prima serata e sulla Prima rete – racconta il giornalista sammargheritese Marco Delpino - L’inchiesta televisiva partì dalla premessa che la speculazione edilizia sarebbe arrivata da tempo anche qui, a coprire di cemento i boschi intorno all’abitato, se non fosse stato istituito un sistema di salvaguardia che aveva nell’Ente autonomo il suo angelo custode. Montanelli dimostrò anche che la salvezza del Promontorio non è una battaglia perduta, ma che richiedeva strumenti più validi per consentire all’opinione pubblica italiana di meglio rendersi conto della gravità di certi massacri che stanno correndo i pochi angoli scampati al disastro». Venticinque anni dopo, Indro Montanelli ottenne la “cittadinanza onoraria” del Comune di Santa Margherita: nell'occasione, l'associazione “Amici del Monte di Portofino” gli consegnarono una targa in argento in segno di riconoscenza per la significativa “battaglia” verso la salvaguardia del promontorio. Iniziativa da perseguire per far sì che le incantevoli bellezze ambientali, a differenza delle mode e dei personaggi da copertina, continuino a preservarsi nel tempo.

    Tratto da CORFOLE! del 7/2011, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO