EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • REGALO nuova enciclopedia illust...
    • VENDO lampadario x soggiorno pr...
    • VENDO cassetta / valigetta in m...
    • IMMOBILIARE cerco garage/magazzino pe...
    • VARIE cerco tecnico per riparaz...
    • VENDO macchina per maglieria se...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Trattoria di Donega: Il liquore al basilico di Natalina

    Dalla ricetta segretissima in memoria della nonna di Paola nasce l’ultima novità della Trattoria Donega L'articolo finisce qui ...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    edizione cartacea

    di Simone Parma | 29 Marzo 2019 | in categoria/e edizione cartacea

    Aiuto! L'Islanda è piena di foresti e le strade sono un groviera

    Aiuto! L'Islanda è piena di foresti e le strade sono un groviera

    Tutto il mondo è Levante: alla scoperta del mondo visto con gli occhi del ligure

    Viaggiare porta spesso a sfatare i miti delle nazioni perfette e trovare le pecche anche in quei paesi che vantano indici di felicità alle stelle e vengono incensati e proposti come esempi da ricerche e telegiornali. E così è nata l’idea di vederli da una prospettiva differente: quella del “genovese in viaggio”, pronto a trovare i difetti ma anche a riconoscere il buono e il bello... e a paragonarlo con la terra natia. Che poi è quello che farete anche voi, no? Ecco quindi qualche spunto!

    Più simili ai genovesi di quanto si pensi

    Ho sempre sognato l’Islanda, da quando ero bambino. Probabilmente si tratta di un desiderio innato o forse semplicemente è colpa di un libro che mi avevano regalato e di qualche documentario visto al pomeriggio che mi ha segnato nel profondo dell’immaginazione. Non saprei, ma visto questo mio amore per la terra dei vichinghi non potevo che partire da qui per raccontarvi che in realtà c’è chi dovrebbe mugugnare molto più di noi. Qui infatti si è sfioratol’aumento del 200% di turisti in soli dieci anni, arrivando a superare la soglia dei 2 Milioni di visitatori l’anno, contro una popolazione residente di 300 mila persone. In inglese lo chiamano “Overtourism”, noi lo chiamiamo “Non andare alle Cinque Terre di domenica da Aprile a Ottobre”. Fatto sta, che proprio come per noi, i foresti (turisti, ndr), inizialmente considerati un’opportunità sono diventati un problema e ora vi spiego perché. Devo dire la verità, partivo da un bagaglio di aspettative molto alto. Ovunque l’Islanda viene descritta come una terra incantata, dove vulcani e ghiacciai sono incorniciati dall’aurora boreale e dove la natura incontaminata regna sovrana. In effetti è tutto vero, ma se provate a togliervi di dosso i panni di turisti e indossare quelli da viaggiatori, cercando il contatto con la gente del luogo, coi loro usi e i loro problemi capirete presto che non è tutto oro quel che luccica e gli Islandesi sono molto più simili ai genovesi di quanto crediate. Ad esempio sembra che non gli interessi proprio agevolare i turisti, che in effetti ci mettono del loro per non essere simpatici ai locals. Parlando in giro si scopre che qualcuno chiede “A che ora si accende l’aurora boreale?” mentre altri sono convinti che il ghiacciao Vatnajökull sia il Polo Nord. E gli islandesi reagiscono proprio come noi genovesi, sbuffando.

    Fenomeni da “overtourism” Ovvero i comportamenti sconsiderati delle orde di turisti
    - Recentemente una signora si è seduta su un iceberg per scattare una foto ma il mare l’ha trascinata al largo. Salvata da alcune imbarcazioni.

    - Nella bellissima spiaggia di Reynisfjara in molti rischiano la vita avvicinandosi troppo al mare nonostante i tanti cartelli di avviso


    LE STRADE?
    UN'ESPERIENZA SURREALE


    Se siete intenzionati a visitare l’Islanda non avete molte alternative: dovete affittare un’auto. Possibilmente una grossa auto a un prezzo esorbitante. Questo perché è un’isola enorme rispetto al numero dei suoi abitanti e non esistono né autostrade, né ferrovie, né trasporti pubblici come li intendiamo noi. Le alternative sono la bici, ma dovete amare viaggiare inzuppati, oppure l’autostop, ma in certe zone il traffico è così scarso che non passa nessuno per ore. Insomma, vi tocca l’auto. Una volta ritirata all’aeroporto di Keflavìk sarete pronti per affrontare le temibili strade islandesi: un groviera. Solo una strada, la Hringvegur, può dirsi completamente asfaltata, il resto o è sterrata o è proprio un buco unico. Specialmente negli Westfjords (i fiordi dell’ovest), un posto di una bellezza mozzafiato, ogni meta va conquistata con ore e ore di sterrato, buche e correndo il rischio che una sola ruota di scorta non sia sufficiente. Pensate che alcune strade vengono chiuse anche per 9 mesi l’anno e per raggiungere alcuni paesi distanti in linea d’aria qualche chilometri bisogna farsi ore di auto, mentre altre strade sono vietate a tutte le auto che non siano quattro ruote motrici.

    ANCHE QUI SI LOTTA PER UN TUNNEL

    I villaggi hanno così pochi abitanti e le distanze sono così ampie che non ci sono né i soldi né l’intenzione di asfaltare tutte le strade. Proprio come in Val Fontanabuona negli Westfjord hanno dovuto lottare per anni per ottenere un tunnel. Ma con perseveranza hanno vinto nonostante la spesa in proporzione agli abitanti fosse osteggiata da tutti.

    ECCO PERCHÈ VI SENTIRETE A CASA

    Si è vero, sto un po’ semplificando, ma per raccontare un paese bellissimo come l’Islanda non basterebbe un inserto di dieci pagine. È una nazione che deve essere vista una volta nella vita, ma non è accomodante: è ruvida, scontrosa, piena di strade dissestate, mancano indicazioni per molti sentieri e al nord se non ti conoscono ti guardano un po’ storto prima di accoglierti a braccia aperte. Insomma anche l’Islanda è Levante, con le sue bellezze e le sue contraddizioni, ma a differenza nostra ha saputo valorizzarsi e fondare la propria economia sul turismo.


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Trattoria di Donega: Il liquore al basilico di Natalina

    Dalla ricetta segretissima in memoria della nonna di Paola nasce l’ultima novità della Trattoria Donega L'articolo finisce qui ...

    Trattoria di Donega: Il liquore al basilico di Natalina

    Dalla ricetta segretissima in memoria della nonna di Paola nasce l’ultima novità della Trattoria Donega L'articolo finisce qui ...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      DIRITTO UTILE - LE VOSTRE RICHIESTE PIU' FREQUENTI

      A cura dell'avv. Gabriele Trossarello - Per contattarlo 0185.938009 o redazione@corfole.comIn questo numero vorrei parlare ai nostri lettori di come vanno -di fatto- le cose in un giudizio civile ordinario. In pratica non intendo, questa volta, soffermarmi su norme specifiche di questa o quell...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...