EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO portatile hp elite book....
    • VENDO vendo macchina da cucire ...
    • VENDO piatti decorativi vari fi...
    • VENDO piccola confezione(quattr...
    • VENDO vendo letto motorizzato t...
    • VENDO causa trasloco, vendo mob...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    edizione cartacea

    di Giulia D’arrigo | 08 Maggio 2019 | in categoria/e edizione cartacea itinerari tempo libero

    GENOVAGANDO - A piedi alla Madonna della Guardia percorrendo il tragitto dell'ex guidovia

    GENOVAGANDO - A piedi alla Madonna della Guardia percorrendo il tragitto dell'ex guidovia

    E' il perioso perfetto per le gite fuori porta, alla scoperta o riscoperta di percorsi, paesaggi e monumenti. Di alcuni magari si sa benissimo l’esistenza ma tra una cosa e l’altra si rimanda la visita. Uno di questi potrebbe essere il Santuario di Nostra Signora della Guardia, che è di certo una tappa importante di fede, ma anche meta di una piacevole passeggiata


    Il Santuario e la sua storia
    Si erge maestoso sulle alture della Valpolcevera, per la precisione sul monte Figogna, nel comune di Ceranesi, ad 804 mt di altezza. Si dice che il nome sia dovuto proprio alla sua posizione strategica per l’avvistamento di nemici in arrivo. Non appena si oltrepassa il grande cancello è possibile vedere, ai piedi della via Crucis, la statua dedicata a Benedetto Pareto, che indica con la mano tesa il luogo dell’apparizione. Pareto, infatti, giunto in cima al monte con le sue pecore, incontrò la Madonna che gli chiese di erigere una chiesa a lei dedicata.


    Lui rispose di non avere abbastanza denaro, ma è stato rassicurato sul fatto che gli aiuti non gli sarebbero mancati. Il giorno seguente, deriso dalla moglie per il suo racconto, cadde da un albero rischiando la vita. A quel punto la Madonna, in una nuova apparizione, lo guarì esortandolo a costruire la Cappella, e Benedetto si mise al lavoro. Il Santuario fu inaugurato nel 1890 e recentemente visitato da Papa Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e, nel 2017, da Papa Francesco. All’interno è possibile visitare la sala dedicata agli ex voto per grazia ricevuta e il cosiddetto Altare della Vita, in cui i neo genitori portano i fiocchi di nascita per chiedere la benedizione per i figli. All’esterno il panorama sulla Valpolcevera.



    Quando c’era la guidovia
    Il luogo si può facilmente raggiungere in auto (uscita A7 Genova Bolzaneto) o con i mezzi pubblici di ATP, ma per chi ama le escursioni, ecco un percorso alternativo. Non tutti sanno che un tempo il mezzo più comodo e “all’avanguardia” per raggiungere il santuario era la guidovia. Realizzata dall’imprenditore Carlo Corazza come ex voto alla Madonna della Guardia a seguito della guarigione da una malattia ai polmoni, fu inaugurata nel 1929. Viaggiando su binari ad una velocità di 15 km orari, collegava la località di San Quirico al Santuario, con diciotto posti a sedere e quaranta in piedi. Il viaggio durava all’incirca tre quarti d’ora. Nel 1963, a seguito dell’asfaltatura della strada carrozzabile e dell’aumento di mezzi di trasporto, la guidovia è stata utilizzata sempre meno, fino ad arrivare, il 31 ottobre 1967, alla chiusura. Il guidatore dell’ultima corsa era lo stesso che, ormai trentotto anni prima, aveva inaugurato il percorso.



    Ora il percorso è una bella passeggiata
    Parte del percorso della guidovia ormai in disuso è stato trasformato in una piacevole passeggiata.Il sentiero inizia in località Gaiazza, in una piazzetta circondata da alberi e giochi per bambini. Lo scopro quasi per caso, alla ricerca di un itinerario semplice e non lontano da casa, e la scelta si rivela subito una piacevole sorpresa. Il percorso, lungo poco più di sei chilometri, si snoda in una salita dolce, leggermente più ripida nell’ultimo tratto, in cui si alternano tratti ombreggiati nel bosco e radure a picco sulla vale, da cui godere del bellissimo paesaggio. La strada è sterrata, solcata da quelli che erano i binari della guidovia. A margine del sentiero è possibile approfittare della presenza di tavoli da picnico, per i più atletici, attrezzature ginniche poste lungo tutto il percorso. Pur essendo a pochi passi dalla città, il silenzio è quasi totale, rotto solo dal canto degli uccelli. Lungo la strada si attraversano anche due suggestive gallerie: percorrendole al buio sembra quasi di sentire lo sferragliare della guidovia che divora i binari e il vociare dei pellegrini assiepati nei vagoni e sui predellini. 

    La passeggiata, che dura circa un’ora e mezza, termina in quello che era il capolinea della guidovia: nella pensilina ancora intatta è possibile osservare le foto dei primi viaggi e leggere alcune note tecniche.


    Sopra di noi, meta del pellegrinaggio, svetta maestoso il Santuario di Nostra Signora della Guardia.


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...