EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO vendo fotocamera reflex n...
    • IMMOBILIARE cerco posto auto/garage/t...
    • VENDO chitarra non da bambini.....
    • VENDO vendo n.6 bicchieri birra...
    • VENDO vendo camera matrimonial...
    • VENDO vendo n. 2 lettini ortope...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualita, diritto, ecologia, edizione cartacea, energia, games e techno

    di Michela De Rosa | 05 Novembre 2013 | in categoria/e attualita diritto ecologia edizione cartacea energia games e techno

    Programmati per rompersi: frigoriferi, lavatrici, telefonini, lampadine, computer, ma anche i vestiti. Presentata Proposta di Legge contro “l'obsolescenza programmata”

    Programmati per rompersi: frigoriferi, lavatrici, telefonini, lampadine, computer, ma anche i vestiti. Presentata Proposta di Legge contro “l'obsolescenza programmata”

    Ormai ci siamo assuefatti all’idea di dover comprare più volte la stessa cosa perché “è il nuovo modello” (chissà poi a cosa ci serve), perché “ha più funzioni” (ma intanto ignoriamo il 90% di quelle già presenti) o perché “non è possibile o conviene aggiustarlo” (posto che si trovi chi lo sa fare).  Non c’è che dire: ci hanno indottrinati bene e ormai siamo davvero convinti di tutto ciò. I danni (specie alle nostre tasche!) sono incalcolabili e, in pratica, veniamo truffati. Dal 1924.
    “Le lampadine durano troppo a lungo per poterci guadagnare sul serio”: era il 1924 e il Phoebus – che riuniva produttori di lampadine, anche italiane – decise di imporre un limite artificioso alla durata. Superato quello, la lampadina si sarebbe bruciata e avrebbe dovuto essere ricomprata. Nacque così l’idea della “obsolescenza programmata”, una pratica produttiva scorretta perché si basa sulla precisa intenzione di limitare la durata degli oggetti accelerando l’usura con espedienti tecnici o con pezzi di bassa qualità, oppure di renderli superati con sempre “nuove” funzionalità in realtà disponibili già da anni ma strategicamente “tenute al caldo” per giustficare nuovi lanci, o ancora di farli percepire “fuori moda” in modo da stimolare l’acquisto di nuovi prodotti e infine renderne impossibile la riparazione. E questo vale per tutto, dai vestiti ai computer. Il fenomeno danneggia davvero tutti, poiché provoca enormi sprechi di energia e di risorse naturali, produce grandi quantità di rifiuti e sottrae alle persone dal 4,5 al 9,5% del proprio potere d’acquisto. Ma la pacchia (per i produttori scriteriati)- forse - è finita. Anche nel Parlamento italiano sembra si sia accesa una lampadina uguale e contraria a quella che scintillò alla Phoebus: all’obsolescenza programmata è ora di mettere un freno. Il 28 Ottobre è stata presentata presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati la prima proposta di legge “Disposizioni per il contrasto dell’obsolescenza programmata dei beni di consumo”, a firma del Deputato di SEL Lacquaniti. Dopo che in molti paesi europei sono state intraprese azioni legislative per contrastare la deliberata fragilità dei beni di consumo, forse anche noi cominceremo a prendere seriamente in esame il fenomeno. Scopo della legge è «tutelare il consumatore da una pratica particolarmente odiosa; permettere una reale e leale concorrenza di mercato; attivare conseguentemente la creazione di posti di lavoro legati alle pratiche di manutenzione e riparazione dei beni di consumo». La proposta di Lacquaniti riguarda al momento solo i beni di consumo «funzionanti tramite energia»: una limitazione discutibile, ma pur con questi paletti la proposta di legge racchiude comunque una gamma vastissima di oggetti.
    Tra le novità più interessanti: la proroga della garanzia da 2 a 5 anni, assicurando un minimo di 10 anni per quei beni per i quali è ragionevole attendersi «una lunga aspettativa di vita», ossia frigoriferi, lavatrici, forni, automobili ecc.; l’obbligo di fornitura delle parti cambiabili per garantire la possibilità di manutenzione dell’oggetto; la disponibilità delle informazioni per le riparazioni; l’onere della prova, ossia nei primi sei mesi starà al produttore provare che un eventuale guasto non è implicabile a un difetto di fabbricazione. Ma la parte più interessante riguarda quella per cui «le regioni favoriscano e incentivino corsi per la formazione di giovani che intendano specializzarsi nella riparazione dei beni di consumo oggetto della presente». Quindi, a conti fatti, con questa legge si promuovono nuovi posti di lavoro e quindi una ridistribuzione della ricchezza, risparmio di risorse naturali e riduzione di rifiuti speciali, con un gran guadagno per l’ambiente, già sull’orlo della catastrofe, come scritto nel numero scorso (n.d.r “ALLARME ONU”). A garanzia dell’applicazione, la proposta include una serie di sanzioni che valgono tanto per il produttore quanto per l’importatore. Si tratta quindi di una legge che promuove un profondo cambiamento non solo nel sistema produttivo ma anche in quello delle abitudini e dei valori del cittadino. Una evoluzione etica. 


    Tratto da CORFOLE! del 11/2013, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...