EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO vendo pelliccia visone ta...
    • VENDO vendo attaccappani vertic...
    • VENDO vendo lettino ortopedico ...
    • VENDO divano in tessuto 3 posti...
    • VENDO vendo 6 bicchieri birra ...
    • VENDO camera matrimoniale in le...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Agnello lardellato

    Per 4 persone: una coscia di agnello di circa 1,2 kg, 150 gr di lardo, 500gr di patate, 3 spicchi d’aglio, prezzemolo, origano, olio extra, pinoli a piacere, mezzo bicchiere di marsala secco.

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    eventi e appuntamenti

    di Pier Luigi Gardella | 05 Novembre 2013 | in categoria/e edizione cartacea itinerari uscire

    Una meraviglia scavata nella roccia: la ferrovia ora è una splendida passeggiata da godere a piedi o in bicicletta

    Una meraviglia scavata nella roccia: la ferrovia ora è una splendida passeggiata da godere a piedi o in bicicletta

    La voglia di una passeggiata poco impegnativa, senza salite e discese rompi gambe, mi ha portato a Levanto per percorrere i cinque chilometri della ex sede ferroviaria sino a Framura. Una tranquilla passeggiata di un’ora che ti fa scoprire angoli di natura mai visti con piccole e grandi opere divenute ormai archeologia industriale, ma che testimoniano un lavoro imponente realizzato quasi un secolo e mezzo fa, per collegare con la ferrovia Genova e La Spezia.

    Un gioiello scavato nella roccia con i picconi ma senza tralasciare la bellezza architettonica
    A percorrere questi cinque chilometri si capiscono bene le difficoltà che la Società Ferrovie Alta Italia si trovò ad affrontare quando, nel 1860, dopo aver velocemente avviato  lo sviluppo ferroviario nella pianura padana, decise di costruire la linea ferroviaria Pisa-Genova-Ventimiglia, fspecie nella tratta tra La Spezia e Sestri Levante. Questi 40 chilometri rappresentavano il tratto più aspro di tutta la costa ligure ed i mezzi dei quali allora si disponeva erano solo i picconi e le mine. E’ facile immaginare quanto dovettero costare, in fatica e in vite umane, questi scavi. La costruzione delle gallerie avveniva poi in due fasi: prima le due spalle portanti, utilizzando la pietra locale, poi la volta generalmente in mattoni che tuttavia, nelle gallerie più lunghe erano sostituiti ancora dalla pietra, quasi certamente per ridurre i costi di trasporto dei mattoni. Alcuni tratti furono addirittura lasciati in pietra viva senza il rivestimento, probabilmente sempre per ragioni di costo. Quest’ultimo tratto di ferrovia fu inaugurato il 22 luglio 1874. La linea era ovviamente a binario unico e solo a partire dagli anni Trenta del Novecento si iniziarono i lavori nelle varie tratte che si conclusero solo nel 1971 con l’apertura della nuova linea raddoppiata che da Framura conduce a Monterosso. Questo nuovo tratto costruito più all’interno rispetto alla vecchia linea è praticamente tutto in galleria, se si escludono le stazioni dei paesi attraversati, Bonassola e Levanto.

    Oggi è una bellissima passeggiata
    Oggi la vecchia linea ferroviaria la riscopriamo con la passeggiata a piedi o in bici fra Levanto e Framura e con il tratto percorribile con l’auto tra Deiva Marina e Riva Trigoso, anch’esso suggestivo pur se non completamente godibile non potendo percorrerlo a piedi. Ma, stando ai progetti in corso, c’è da augurarsi in un prossimo futuro di poter percorrere ancora nuovi tratti ricuperati della vecchia ferrovia, quello tra Levanto e Monterosso e quello tra Deiva  Marina e Framura.
    Ci si immette nella pista ciclabile sul lungomare di Levanto. La strada è suddivisa in tre corsie, una per i pedoni e due per le bici. Si imbocca la prima galleria chiamata La Francesca (510 mt) all’uscita della quale abbiamo il primo degli innumerevoli scorci da scoprire: scogli che si tuffano in acque cristalline; poi ancora gallerie e tratti a cielo aperto per raggiungere in meno di mezz’ora l’abitato di Bonassola. Nel nostro cammino incontriamo degli splendidi esemplari di portali di gallerie, come solo nell’Ottocento si voleva e si sapeva costruire. Infatti (lo possiamo vedere anche per i viadotti e per le strade) in quel secolo si desiderava dare ad un’opera pubblica anche un aspetto ricercato. Nel nostro caso l’utilizzo di pietra locale ricco di rocce granitiche colorate permetteva di ottenere splendidi risultati decorativi che ancor oggi possiamo gustare. Superata Bonassola si imbocca l’omonima galleria, la più lunga (991 mt.); ma anche camminare al suo interno ha un suo  fascino. Riscopri quelle righe bianche inclinate che segnalavano al ferroviere, in qualunque punto della galleria ci si trovasse, la più vicina nicchia di ricovero in caso di passaggio del treno. Oppure quelle belle piastrelle bianche con i numeri azzurri che segnalavanoquello della sospensione elettrica, mentre altre con numeri neri numeravano le nicchie di ricovero. Proseguendo il nostro cammino attraversiamo la Galleria detta Marmi e Salici anch’essa abbastanza lunga (933 mt) e arriviamo ad uno dei punti architettonicamente più suggestivi della linea: un finestrone composto da tre archi consecutivi dai quali ti affacci su incantevoli terrazze sul mare. Dopo circa un’ora raggiungiamo la stazione di Framura, con l’adiacente nuova linea ferroviaria che imbocca la nuova galleria, costruita accanto alla vecchia nel 1971, inoltrandosi verso zone più interne.


    Tratto da CORFOLE! del 11/2013, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


    Altre immagini collegate alla notizia:


     


    I commenti dei lettori
    pierino:

    Il fatto che non hanno ancora ripristinato la galleria di Chiavari e Zoagli creando una bella passeggiata con pista ciclabile la dice lunga in che mani siamo ....forza Levaggi provaci tu...l'ex Sindaco Agostino non ce la fatta.Bisogna provare in Regione a togliere questa mentalita' Statalista che non porta da nessuna parte...e per favore basta parlare di destra e sinistra...vogliamo fatti non parole...


    rino vaccaro:

    E lo spostamento delle gallerie dismesse 100 anni fa tra Chiavari e Zoagli?
    andate a vedere e pubblicate le foto
    rino vaccaro
    www.ambienteepolitica.it


    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      DIRITTO UTILE - LE DISTANZE LEGALI TRA LE COSTRUZIONI

      A cura dell’avv. Gabriele Trossarello Contatti: Tel 0185.938009 redazione@corfole.com Innanzitutto occorre precisare che per “costruzione” dobbiamo intendere qualsiasi opera, a prescindere dal materiale con il quale è stata costituita, non completamente interrata ed ancorata saldamente al suolo, avente le caratteristiche della soli...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...