EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO vendo mobile arte povera ...
    • VENDO camera a ponte in legno t...
    • VENDO tavolino bianco in legno ...
    • REGALO ho tagliato 2 abeti di ci...
    • VENDO vendo 4 ruote per suzuki ...
    • VARIE cerco gatto bengala masch...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    La gallina ripiena

    Gallina già pulita (con frattaglie) di circa 1,2 kg, prezzemolo tritato, aglio 1 spicchio, verza 6 foglie, salvia 3 foglie, pancetta distesa a fette 80g, parmigiano grattugiato 80g, pangrattato...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    attualita, ecologia, edizione cartacea, itinerari, tempo libero, uscire

    di Simone Parma | 28 Novembre 2015 | in categoria/e attualita ecologia edizione cartacea itinerari tempo libero uscire

    L'acqua ha sempre ragione: a un anno dall'alluvione che ci colpì duramente un viaggio in Scozia offre un punto di vista su cui riflettere

    L'acqua ha sempre ragione: a un anno dall'alluvione che ci colpì duramente un viaggio in Scozia offre un punto di vista su cui riflettere

    E' passato un anno dall’alluvione che colpì Chiavari e la Val Fontanabuona. Un anno trascorso tra allerte, paura di nuove frane, richieste di messa in sicurezza e l'inizio di qualche lavoro nei punti critici. Un anno buono per riflettere su cos’è successo, ma soprattutto sul perché è successo. Viaggiando in questi mesi ho potuto portare a casa qualcosa che ha cambiato il mio modo di vedere la pioggia: il rispetto per l'acqua. Sono stato in Scozia e non è che gli scozzesi siano migliori di noi (ad esempio è difficilissimo riuscire a fare la raccolta differenziata anche impegnandosi a cercare i bidoni), ma viaggiare per ore e ore nella loro bellissima e incontaminata brughiera ti fa notare le piccole cose: le case e i paesi sono costruiti nei punti migliori, non deviano corsi d'acqua e sono al sicuro in caso di piogge eccessive. Non uno, ma praticamente tutti. Fanno eccezione come sempre le città un po' più grandi, ma nei villaggi state tranquilli che non troverete niente ad ostacolare l'acqua.
    Poi ho pensato a noi, alla nostra Liguria e ho avuto una rivelazione: pensate alle Chiese, ai campanili e a dove sono state costruite. Erano i centri della vita quotidiana dei secoli scorsi e molto spesso i paesi si sono sviluppati attorno ad esse e, fateci caso, sono tutti in posizione rialzata o quantomeno al sicuro da rivi o torrenti. Partendo da Sestri e arrivando a Santa Margherita Ligure e a Portofino... chi ha costruito quelle chiese e le prime case era come gli scozzesi, rispettoso dell'acqua.  
    "Con la pioggia non ci sono escursioni da fare"
    Partiti per un'escursione semplice abbiamo attraversato un fiumiciattolo senza ponte. Poi inizia a piovere, quindi dopo meno di un'ora ritorniamo  sui nostri passi, ma... quel corso d’acqua innocuo era diventato un fiume insuperabile che siamo riusciti a passare solo unendo le forze con altri escursionisti e facendo una catena umana per arrivare sull'altra sponda. Ma non era il ponte a mancare, eravamo noi nel posto sbagliato. Con la pioggia non si può stare lì, punto. Quindi mettiamoci il cuore in pace. Non ha colpa la pioggia, la colpa è di chi ha costruito e soprattutto di chi ha fatto costruire troppo e male dove non si doveva. Probabilmente sì, anche i nostri vecchi dopo la guerra lo hanno fatto sull’onda entusiasta della ricostruzione e di un nuovo benessere che sembrava senza fine e senza ostacoli. Così hanno interrotto rivi, coperto i fiumi con colate di asfalto per farci strade e immensi parcheggi per non rovinare le nuove FIAT fiammanti, poi ipermercati, palazzi, palazzi, palazzi, e campi da calcio per sfogarsi dallo nuovo stress della nuova vita cittadina. Ma l’acqua non la comandi. E così "la maledetta", come l'hanno definita, ha invaso tutto: una pioggia “straordinaria, incredibile e mai vista” (a dire il vero sì, ma abbiamo memoria corta). L'anno dopo di nuovo e ancora l'anno successivo. Ma non è l'acqua ad essere passata nel posto sbagliato, siamo noi. La prossima volta dovremo dare retta all’addetta del punto informazioni che ci dice "No, con la pioggia non ci sono escursioni da fare", mettiti il cuore in pace.
    Massima concentrazione di case vicino a un corso d'acqua nel nord della Scozia. Notare la differenza con la Liguria

    La soluzione: una catena umana che ci coinvolga ogni giorno
    Bene mi dico, ora che la lezioncina sull'acqua è finita cosa ne facciamo nelle migliaia di case, strade, stadi e negozi nei posti sbagliati? Ce li teniamo e continueremo ad abitarci. Non dobbiamo però lamentarci per la pioggia, le allerte, gli allagamenti e maledire l'acqua o lo scolmatore che manca. Dobbiamo essere consapevoli che lì il fiume è sempre passato e sempre passerà, non c'è argine che tenga. La soluzione l'ho vista in Scozia: unirsi e fare gruppo. Una catena umana che compia interventi sensati, soprattutto tra i privati. Canalizzare il più possibile le acque bianche, evitare che le grondaie facciano uscire l'acqua in mezzo alla strada. Costruire canali di scolo e "cunette" dove mancano (ad esempio nelle intersezioni delle strade private), pulirle da sé quando sono sporche. La soluzione non è quella di girare l'acqua nella proprietà del nostro vicino. Se prima frana o si allaga lui, quelli che si allagheranno dopo saremo noi. Non ci deve essere rivalità fra comuni e campanili, e se vogliamo continuare a vivere qui dobbiamo smettere di costruire, sfruttare quello che abbiamo e dare spazio all'acqua per farla passare nel modo giusto, rispettandola come gli scozzesi e portandola nei rivi che i nostri vecchi avevano costruito a mani nude, subito prima di mettere le chiese in posti sicuri. Perché lei, l'acqua, ha sempre ragione. Punto.

    Tratto da CORFOLE! del 11/2015, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Odissea Autostrade Italiane: cronistoria di un furto in auto, di ladri pigri, di una Viacard e di tanta pazienza (e di una piccola grande vittoria che può esservi utile)

      Dei ladruncoli rubano nella mia auto, tra il ”bottino” anche una Viacard: si potrà bloccare, penso. E mi reco nel primo Punto Blu... poi nel secondo... poi nel terzo... Ecco come è andataA settembre mi trovavo nei pressi di Milano, precisamente a Novegro, per una fier...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...