EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    storia locale

    13 Maggio 2024 | in categoria/e edizione cartacea storia locale

    Com'era moderna Genova 110 anni fa! In poco tempo in città comparvero uno stadio, una funivia e un treno monorotaia... che fine hanno fatto?

    Com'era moderna Genova 110 anni fa! In poco tempo in città comparvero uno stadio, una funivia e un treno monorotaia... che fine hanno fatto?

    Il 23 maggio 1914 veniva inaugurata l’Esposizione Internazionale di Marina e Igiene marinara e Mostra coloniale italiana
    di Michela De Rosa

    Il 23 maggio 1914 alla presenza del re Vittorio Emanuele III e della regina Elena del Montenegro, accolti dalle autorità e da centomila persone, veniva inaugurata l’Esposizione Internazionale di Marina e Igiene marinara - Mostra coloniale italiana. Fino a novembre, enormi cupole assiro-babilonesi erette in un’irriconoscibile Piazza della Vittoria, uno stadio davanti alla Stazione Brignole, una suggestiva monorotaia sospesa sull’acqua e macchinari avveneristici, portarono Genova agli onori della cronaca mondiale. Se oggi possiamo considerare gli aspetti coloniali come retrogradi, dall’altra parte non si può che restare stupiti di fronte allo stile, alle capacità e alla modernità dell’epoca.




    L’inconfondibile stile Coppedé

    La realizzazione fu curata dal grande architetto Gino Coppedè che ideò una vera e propria cittadella, costruendo le sue eclettiche strutture in una straordinaria mescolanza di stili. L’elemento più significativo era l’ingresso all’area espositiva, con un grande teatro in stile assiro-babilonese, caratterizzato da grandi cupole (3).

    Tra colonialismo e guerre

    Per affrontare questa parte occorre tornare al periodo storico in cui le potenze europee erano coinvolte nell’espansione territoriale. La mostra coloniale (4) aveva lo scopo di celebrare le conquiste dell’Italia e le opportunità commerciali in Libia, Eritrea e Somalia esponendo le caratteristiche culturali e sociali e sottolineando, secondo la mentalità del tempo, “l'opera di civilizzazione”. A differenza di altre mostre, qui gli indigeni furono sostituiti da manichini.
    Il padiglione ospitava anche la ricostruzione di una cittadella medievale, in omaggio alla storia delle repubbliche marinare e una copia della torre di Galata, tuttora esistente a Istanbul, costruita dai genovesi nel XIV secolo. Ma già soffiavano venti di guerra, pertanto molte erano anche le “mirabili invenzioni” sul fronte militare. La “Casa Gio. Ansaldo & C.” espose una corazzata (5) insieme a un arsenale del ‘500 da cui emergeva un enorme modello di nave Romana (6).



    Come “attrazioni” una funivia e un treno avveneristico

    L’esposizione era collegata sia al mare che alle colline con trasporti avveneristici appositamente costruiti. La Telfer o Telfere (7) fu la prima linea ferroviaria su monorotaia sospesa d’Italia. Costruita in cento giorni nel punto dove oggi c’è la Questura per collegare l’Esposizione al Molo Giano del porto (in prossimità della nuova Capitaneria)(8), fu un progetto innovativo per l'epoca: percorreva in sei minuti un tragitto di 2,2 km che si snodava su piloni in cemento armato posti in parte sulla riva del mare e in parte infissi in acqua (9). Il costo del biglietto era di lire 1,00 (oggi euro 3,70 +/-) sola andata e lire 1,50 andata e ritorno (oggi euro 5,50 +/-). Alla stazione di arrivo era presente anche un ristorante. Restò in servizio fino al 1918, quando fu smantellata.



    La funicolare (10), partiva dallo stesso punto del Telfer e risaliva la zona ora occupata dalla scalinata delle Caravelle, collegando così l’area espositiva in piazza di Francia (ora Piazza della Vittoria) (11) con la sommità del bastione del Prato, l’area antistante l’ospedale Galliera, punto panoramico che consentiva la vista dall’alto dell’intera area espositiva. Come tutto il resto, anche questa fu smantellata dopo l’esposizione.








    Altre immagini collegate alla notizia:


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO