EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO vendo camera matrimoniale...
    • VENDO vendo seggiolino auto beb...
    • VENDO vendo panca multifunzione...
    • VENDO vendo elegante, spaziosa ...
    • REGALO regalo vari volumi di cuc...
    • VENDO vendo mobile arte povera ...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    home

    12 Dicembre 2022

    Una malattia sterminò 1 milione di persone: cura inascoltata per secoli perché “troppo facile” - Cosa c'entrano cavoli e limoni?

    Una malattia sterminò 1 milione di persone: cura inascoltata per secoli perché “troppo facile” - Cosa c'entrano cavoli e limoni?

    di Michela De Rosa

    Durante la circumnavigazione del globo compiuta da Ferdinando Magellano tra il 1519 e il 1522, ben l’80% dell’equipaggio morì di questa strana malattia che fu nominata peste grigia, che provoca sintomi psicotici, dimagrimento, debolezza, occhi infossati, emorragie, ma soprattutto il ritirarsi delle gengive e la caduta dei denti.

    Nel 1535, quella che oggi è Quebec City in Canada, si chiamava Stadacona ed era un villaggio della tribù degli Irochesi. A settembre vi approdarono tre velieri francesi. Presto arriva il gelo e la terra si trasforma in una distesa ghiacciata. Seppur provvisti di cibo, in tre mesi muoiono 25 marinai e gli altri ci vanno vicini. Gli indiani offrono il loro rimedio per affrontare i lunghi inverni: un infuso di acqua calda (non bollente) a base di corteccia e foglie di una conifera da bere in abbondanza, ogni giorno. I marinai guariscono, ma non capiscono perché e da cosa.

    Arriviamo al 1763: la «guerra dei sette anni» si conclude con una strage: su 184.899 uomini imbarcati, 1512 morirono in battaglia e 133.708 di malattie, principalmente di peste grigia.

    Tre anni dopo, il 17 febbraio 1770 l’Oriflama, un brigantino con 628 tonnellate di beni di lusso destinati al viceré del Perù, salpa dalla Spagna insieme a una nave scorta, il Gallardo. Dopo una tempesta, si perdono di vista. Dopo due mesi l’Oriflama riappare alla deriva. A bordo, uno scenario da incubo: 106 sopravvissuti, dei quali solo 30 appena in grado di parlare e troppo deboli per manovrare una nave. Peste grigia. Un’altra tempesta trascina il brigantino tra le onde. Sarà ritrovato nel 2008, sepolto sotto la sabbia a 300 chilometri da Valparaíso, in Cile, davanti al ristorante che da allora porta il suo nome.

    La cura c’era da tempo...

    Quella malattia continuò a uccidere marinai, truppe, mercenari, passeggeri e schiavi dieci volte di più che tempeste, battaglie, arrembaggi, peste, tifo, vaiolo e colera, tutti messi insieme. Nessuno capisce a cosa sia dovuta, così si provano “cure” di ogni genere: purghe, clisteri o bicchieri di acqua di mare, sorsate di aceto, di acido solforico diluito, ma anche punizioni o uccisione “dell’indemoniato”. Eppure, il 1° agosto 1601, Sir James Lancaster annotava sul suo rapporto di bordo, che dopo quattro mesi di navigazione nelle tre navi al seguito era comparsa la peste grigia, ma non nella sua. Però non è un medico e la cura viene considerata stravagante: tre semplici cucchiai al giorno di succo limone.

    La sua scoperta resta inascoltata per secoli, finché nel 1747, l’ufficiale Medico di bordo James Woodall Lind consulta i trattati disponibili, tra cui il rapporto di Lancaster sui benefici dei limoni. Si imbarca su una nave dove sono presenti malati e avvia una sperimentazione: dopo averli isolati dall’equipaggio, a quattro di loro somministra abbondanti dosi giornaliere di cedro, arancia e limone, mentre gli altri vengono curati con i metodi “tradizionali”. In soli sei giorni, i marinai a cui è stata data la cura “alternativa” a base di agrumi tornano al lavoro e fanno da infermieri alle altre «cavie», che invece peggiorano nonostante le cure. Sei anni dopo, Lind scrive un trattato nel quale estende gli effetti benefici degli agrumi alle «verdure verdi e fresche e i frutti maturi», sollecitando l’inclusione almeno di un limone al giorno nella dieta dei marinai. Ben presto tutte le navi oceaniche ebbero a bordo una grossa scorta di questi alimenti, che permettevano di poter fare viaggi di molte settimane senza toccare terra. Nei decenni successivi lo scorbuto continua a martoriare i marinai. Tranne quelli che seguono il navigatore britannico James Cook nei suoi tre giri del mondo compiuti tra il 1768 e il 1779, coprendo in 12 anni 300.000 chilometri, la distanza tra la Terra e la Luna. Cook, che ha letto Lind, fa frequenti rifornimenti di verdura e frutta fresca. Nessun marinaio muore di scorbuto in quei 12 anni. Dopo attente osservazioni, nel 1795 il commissario generale per «le malattie e le ferite a bordo» ordina che ogni giorno i marinai abbiamo una dose di succo di limone fresco. Ma, scoperto il loro utilizzo, i Paesi del Mediterraneo li trasformano in merce pregiata. Allora gli inglesi passano al lime, meno ricco di vitamina C ma abbondante nelle colonie tropicali, fruttando agli inglesi il soprannome di limey.


    Nessuna maledizione divina: la causa era nel cibo

    La “malattia del marinaio” si rivelò quindi una “carenza di vitamina C”, causata sia dal fatto che viene neutralizzzata dalla cottura e quindi esiste solo negli alimenti freschi e crudi, sia dal fatto che  le scorte presenti nel nostro organismo, se non ri-alimentate si esauriscono rapidamente. Oggi quella malattia si chiama scorbuto ed era nota già agli antichi Egizi ed anche Ippocrate, il grande medico greco che visse cinquecento anni prima di Cristo. Tuttavia, non venne considerata finché cominciò ad essere protagonista della vita di mare.
    Oggi sappiamo che tutti questi problemi sono causati dalla carenza di acido ascorbico, la vitamina C, fondamentale per la nostra salute, come peraltro reso evidente dalla pandemia covid, resa possibile proprio anche dalle nostre croniche carenze di Vitamine C e D. Oltre a difenderci dai virus che possono colpire l’apparato respiratorio e gastro-intestinale, la vitamina C ottimizza la produzione di collagene, per questo è importante per chi deve mantenere in forma le articolazioni perché fa molta attività fisica o perché è in là con gli anni. Infine, aiuta a contrastare gli effetti dei radicali liberi, quindi mantiene giovani.
    E cosa c’entra il tè degli indiani? In seguito si scoprì che 100 grammi di foglie di quella e altre conifere contengono circa 50 milligrammi di vitamina C. La dose quotidiana consigliata è di 45 milligrammi. In questo modo potevano sopravvivere ai lunghi inverni senza cibi freschi.

    Questa storia ci mette di fronte non solo al fatto che una cura non deve essere complicata e costosa per funzionare, ma anche a quanto sottovalutiamo le Vitamine, per poi magari ricorrere a medicine per curare i disturbi dati dalla carenza. Quindi, visto che è stagione, oltre alle spremute di agrumi, LEGGETE QUI e scoprite come usare tutto ma proprio tutto del cavolo, meglio ancora crudo!


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      DIRITTO UTILE - Violenza nel corso di eventi sportivi: il "d.a.spo."

      A cura dell'avv. Gabriele Trossarello - Contatti 0185.938009 redazione@corfole.comIl crescente fenomeno della violenza durante le manifestazioni sportive, in particolare quelle calcistiche, ha indotto il legislatore ad inserire nel nostro ordinamento misure di sicurezza sempre più restrittive in linea con quel...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...