EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO portatile hp elite book....
    • VENDO vendo macchina da cucire ...
    • VENDO piatti decorativi vari fi...
    • VENDO piccola confezione(quattr...
    • VENDO vendo letto motorizzato t...
    • VENDO causa trasloco, vendo mob...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    edizione cartacea

    di GIansandro Rosasco | 04 Marzo 2019 | in categoria/e edizione cartacea

    La triste vicenda del montone ucciso con la balestra: un misfatto che si poteva evitare

    La triste vicenda del montone ucciso con la balestra: un misfatto che si poteva evitare

    Gli animali erano stati segnalati più volte perché vagavano incustoditi per strada, ma nessuno è intervenuto

    Ha suscitato scalpore e agitato gli animi del piccolo paese di Moconesi Alto, in Val Fontanabuona, la vicenda del montone ucciso da due indigeni armati di balestra. La piccola storia di cronaca locale, dai risvolti comunque riprovevoli, poteva concludersi così: due presunti malfattori, colti in flagrante, in attesa di giudizio. Purtroppo la vicenda ha anche altri contorni. Quel che è certo è che questi animali vagassero incustoditi da tempo in giro per le strade, con pericolo per le automobili in transito, e che avessero anche “caricato” delle persone mandandone qualcuna in ospedale, di fatto impedendo così a molti di passeggiare liberamente.
     
    Nella giungla delle responsabilità
    Proprio per questi problemi era stato interpellato il Comune e persino il comando dei Carabinieri sottoscrivendo un modulo SIT (Sommarie Informazioni Territoriali, in pratica delle dichiarazioni che i testimoni rilasciano) ma nessuno, sempre secondo testimonianze, ha realmente approfondito o dato risposte concrete, seppure il problema sia stato segnalato più volte. Al gioco dello scaricabarile si finisce anche sui social dove, nel gruppo facebook “Mugugni della Fontanabuona e regali”, ognuno dice la sua. Chi afferma che sarebbe stato necessario chiamare le guardie zoofile, chi l’Asl: nessuno ha riferimenti precisi. E allora ci abbiamo provato noi. La nostra piccola indagine ci ha portati da un ente all’altro. Siamo infine giunti al coordinatore regionale delle guardie Eco Zoofile della Regione Liguria, Virginio Repetto, che ha espressamente confermato che il loro nucleo difende gli animali “per la difesa degli umani occorre rivolgersi alla Pubblica Sicurezza chiamando il Comune o i Carabinieri. E comunque gli animali, se di proprietà, dovrebbero avere anche dei marchi e delle autorizzazioni ASL; se sprovvisti potrebbero esserci ulteriori sanzioni”. Lo stesso ci è stato confermato dagli uffici ASL i quali con ancor più precisione rimandano all’art. 672 del Codice Penale riguardante “l’omessa custodia e mal governo degli animali” che è stato depenalizzato ma comporta comunque una sanzione amministrativa. Fatto sta che questa storia ha lasciato solo tristezza nel paese: un montone morto, una pecora ferita, qualche passante in ospedale, due persone incensurate che rischiano un processo penale e un giovane allevatore preso dallo sconforto con l’ancora più amara constatazione che se le autorità competenti fossero intervenute in tempo probabilmente non si sarebbe giunti a questo triste epilogo.





     


    I commenti dei lettori
    :

    Caro Corfole, volevo segnalare che le pecore uccise erano due, una morta subito,una dopo due giorni di agonia,per la perforazione del rumine.Inoltre,da un po' non giravano più libere ma erano chiuse nel recinto privato,ove sono state UCCISE vergognosamente.In base a ciò, ritengo il motivo dell'uccisione differente.Il vostro articolo pare quasi giustificare l'atto commesso,che a parer mio non ha scusanti.


    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...