EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO mobile sala/cucina con ta...
    • VENDO camera matrimoniale lett...
    • VENDO vendesi girello ortopedic...
    • VENDO vendesi cassapanca legno ...
    • VARIE cerco appassionato automo...
    • VENDO legna secca di faggio alt...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    edizione cartacea

    di Michela De Rosa | 06 Dicembre 2018 | in categoria/e edizione cartacea

    “SÆRA I EUGGI”: l'entroterra, la vita delle donne e la ninna nanna mai avuta nel nuovo disco di Marco Cambri

    “SÆRA I EUGGI”: l'entroterra, la vita delle donne e la ninna nanna mai avuta nel nuovo disco di Marco Cambri

    “Særa i euggi” è un invito a chiudere gli occhi, a non guardare gli schermi, la superficialità, ma ad ascoltare col cuore. In questo album che contiene 12 tracce inedite in dialetto genovese, Cambri rivive la sua infanzia, che è l’infanzia di tanti, e la rivela. Nato a Genova Quinto si è trasferito a Bargagli e poi a Neirone venti anni per ritrovare le atmosfere di quando era piccolo: “Quando ero piccolo a Quinto era periferia, nella mia famiglia c’erano ancora contadini, con mucche galline, conigli e colombi. Volero ritrovare quella dimensione umana e a contatto con la natura”. 
    A portarlo proprio a Neirone fu una casualità: “Cercavo casa in zona e il Comune vendeva la ex scuola elementare “dei bassi”, costruita nel 1899 e abbandonata dagli anni ‘70. Una scuola di un tempo in cui le maestre dormivano al piano di sopra perché arrivarci era complicato. Appena entrati abbiamo sentito che c’era stato amore tra quei muri e sentivo l’eco di ricordi belli. Ci siamo sentiti subito a casa”.
    Diversi gli avvenimenti a conferma, tra cui uno in particolare: “un giorno si è presentata una signora di 96 anni accompagnata dalla figlia che voleva rivedere la sua scuola e ci ha portato una foto con i bambini fuori che giocavano e che ora è appesa in casa”. Le canzoni nascono qui “dove non c’è inquinamento acustico né luminoso. E’ un posto per pensare”.

    Tutto questo si avverte nelle canzoni, dove a fare da sfondo c’è l’entroterra ligure, la cultura contadina e matriarcale: “Sono canzoni di terra, figlie di luoghi in cui il mare si vede da lontano e viene temuto. Mio padre, un marinaio, spesso mancava da casa ed ho vissuto fra le donne, forza della natura che emergono in questo album. Associo il mare alle persone che se ne vanno mentre nella terra c’è la famiglia”. Da qui nasce “Ninnami” che è “la ninna nanna che non ho mai avuto”. Ed eccolo a riascoltare i rimproveri di sua madre che nel brano “Che Rîe” lo avverte: “Arian i singhei arian, stanni attento che te pòrtan via/Arrivano gli zingari arrivano, stai attento che ti portan via”, a cui risponde la sua purezza fanciullesca non ancora contagiata da quella paura verso lo straniero, verso ciò che ci sembra difficile capire: “che rie che rie che rie sem’avesse piggiau”.
    “Pria negra” è una chiara metafora su questi posti, “sulla vita che hanno fatto le donne, legate in una situazione di chiusura, che avrrebbero voluto vedere il mare ma non ci riuscivano mai perché oltre la lavoro nei campi, la cura degli animali, dovevano badare alla casa e ai figli, con mariti spesso lontani”. Di donne che non hanno visto dolcezza e che “avrebbero voluto essere baciate solo per amore”. Invece Cambri il suo amore lo dichiara con dolcezza infinita nel brano“Ma mi gh’ò lè”, scritto dopo l’alluvione del 2014: “ero a casa, mia moglie era a Genova e non riusciva a tornare. Le parole sono emerse da questa attesa preoccupata di non poterla riabbracciare. C’è poi l’accorgersi di avere a che fare con forze superiori alla nostra presunta onnipotenza, quella dell’acqua che cerca il mare  e non guarda dove passa, e i danni dell’incuria “da questa raza ingurda da l’oggieu orbo e dalle recchie sorde”. “Særa i euggi” è un inno d’amore per  le donne, ma anche di amore universale, “l’unica cosa che ci può salvare”.
    Grazie agli arrangiamenti di Marco Cravero e Fabrizio Padoan l’album attraversa i suoni sudamericani, lo swing, le ballate, il tango argentino e non solo, ritrovando strumenti come l’organetto (Filippo Gambetta) e il bandoneon (Sirio Restani), accompagnati dalle percussioni di Marco Fadda. A suggellare il lavoro, il produttore ligure Raffaele Abbate che con la  OrangeHomeRecords negli anni ha puntato sulla rivisitazione della cultura musicale genovese, anche grazie ad artisti come Armando Corsi e Roberta Alloisio.

    - In vendita nei migliori negozi di dischi liguri e sul sito www.orangehomerecords.com.




     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...