EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualità

    di Simone Parma | 05 Dicembre 2018 | in categoria/e attualita ecologia edizione cartacea

    Scongiurato il trasferimento, l'Istituto Agrario Marsano apre le porte ai futuri salvatori della terra

    Scongiurato il trasferimento, l'Istituto Agrario Marsano apre le porte ai futuri salvatori della terra

    Un settore in continua crescita dove il lavoro è assicurato
    Per gli studenti “Lavorare la terra è un atto nobile”.
    - Open Day, il 15 Dicembre e il 19 Gennaio.

    Ogni mese ci ritroviamo a parlare di ecologia, natura e dissesto idrogeologico, ma la nostra penna non basterà a salvare la nostra terra dall’abbandono e dell’incuria. La soluzione ad un problema serio passa anche dalla costruzione di una nuova sensibilità nelle nuove generazioni, che deve essere però sostenuta da nuove competenze. Abbiamo quindi fatto un giro all’Istituto Agrario “B. Marsano” di San Colombano Certenoli.


    0185.358722 - www.iismarsano.it
    Facebook “Marsano San Colombano”

    Ci salveranno i Periti Agrari?
    Il momento della scelta della Scuola Secondaria è sempre delicato. Ci sono quelli portati per la teoria che sceglieranno un Liceo Classico o Scientifico e ci sono quelli pratici che nella vita si vedono più operativi che studenti. E meno male che ci sono, perché la terra chiede aiuto. A loro si rivolge l’Istituto Marsano che, in questi anni più che mai, dà la possibilità ai giovani di mettersi in gioco per il loro territorio. Diventare Perito Agrario è infatti qualcosa di più che studiare; qui la pratica è parte fondamentale del percorso e le uscite sul campo sono garantite dall’impegno dei professori che curano l’Azienda Agricola parallela all’Istituto. Ma ciò che più conta è che i ragazzi che usciranno da questa scuola saranno i più qualificati per aiutare un territorio come il nostro - e non solo -, in continua sofferenza idrogeologica e abbandonato da una generazione “scappata in città”, creando così i presupposti per frane, incuria e degrado. Ma prendere la decisione di non seguire la massa che si muove verso i Licei e ascoltare invece il proprio istinto e le proprie passioni può essere difficile a tredici anni: per spiegare le materie e gli sbocchi professionali e universitari l’Istituto organizza due Open Day, il 15 Dicembre e  il 19 Gennaio.


    “Siamo cresciuti in mezzo alla natura, lavorare la terra è un atto nobile”
    Tuttavia i più qualificati per descrivere questa scuola sono proprio i ragazzi che la frequentano, così abbiamo chiesto direttamente a loro perché un tredicenne dovrebbe decidere di diventare Perito Agrario. Lara ha scelto questa scuola conoscendo già l’ambiente: «La mia famiglia ha un’azienda silvicolo–foraggiera in provincia di Parma e sono cresciuta con la voglia di fare qualcosa per l’Azienda, ma più in generale per il mio territorio».
    Prendere la decisione di dedicare la propria vita alla terra e ai suoi frutti può essere più facile di quello che sembra, come per Gabriele di Neirone: «Quando ho finito la terza media, anche confrontandomi con mio papà, ho capito che dobbiamo prendere coscienza di ciò che ci circonda. Se sei cresciuto a Neirone la natura è ovunque e non puoi far altro che lavorare con e per lei». Ma cosa ne pensano gli altri ragazzi della scelta di questa scuola? «All’inizio qualche amico che frequenta altri Istituti mi prendeva in giro – ammette Lara - ma ora che siamo arrivati in quarta hanno capito tutti che quando io avrò finito saprò già fare molte cose e per questo mi rispettano e sono curiosi di sapere cosa facciamo nelle nostre uscite». D’altra parte Lara e Gabriele hanno le idee chiare: meglio stare all’aria aperta che passare la vita chiusi in ufficio.


    Gli sbocchi? Lavoro sicuro o specializzazione universitaria
    Il docente di Scienze Agrarie, Riccardo Rinosi ed il Prof. Dino Longo hanno provveduto ad avviare i lavori di recupero di un noccioleto incolto vicino all’Istituto che servirà agli alunni come campo di prova per la coltivazione delle nocciole, il mantenimento del sottobosco e diverse altre attività. A questo si affianca un altro terreno dove i ragazzi eseguono le loro uscite sul campo, coordinati dal Prof. Rinosi e da altri docenti: «Qui si impara ad usare il decespugliatore, curare le piante da frutta e i vigneti, fare l’orto e i ragazzi stanno ultimando la ristrutturazione del pozzo in pietra che è la nostra fonte di irrigazione. Fosse per loro starebbero sempre qui – sorride RInosi – ma anche le lezioni teoriche in aula sono fondamentali per la loro formazione agraria e non solo». La cosa più interessante è lo sbocco certo nel mondo del lavoro oppure il perfezionamento in Università: «È necessario recuperare la vocazione agricola della Val Fontanabuona – ci spiega Longo – e la possibilità c’è. Tutti gli alunni usciti da questo Istituto hanno lavoro, chi come dipendente chi come imprenditore. E c’è chi ha hanno intrapreso la carriera universitaria, laureandosi in Scienze Naturali».

    Il Marsano resta a Calvari
    «Quando lo scorso anno tutti i media locali annunciavano il possibile spostamento a Genova del “Marsano”, invece che un maggiore interessamento si produsse l’effetto contrario con la rinuncia di tutte le quattordici pre-iscrizioni sin lì pervenute». A raccontarci la situazione attuale dell’Istituito sono un gruppo di genitori che si stanno battendo per salvare l’Istituto: «Il Preside ci ha rassicurato che per legge chi inizia la Prima a San Colombano dovrà proseguire qui sino alla Quinta – ci spiega Gianpaolo Burrofato – senza possibilità di trasferimenti. Ma la scarsa informazione ha portato l’Istituto a restare per due anni consecutivi senza classe Prima». Ecco che dal rischio di trasferimento si è passati a quello di non avere più alunni. Ma ora la situazione è stata chiarita: per gli studenti restare a San Colombano è cosa certa. Ci auguriamo quindi che molti giovani, in linea con tanti sparsi nel mondo, facciano questa scelta per occuparsi della terra con profitto e in modo rispettoso, cosciente e nobile.
    Da sinistra: Burrofato Gianpaolo - Carneglia Ermanno - Laura Spinetto (rappr. classe) - Dondero Gianni (rappr. classe e membro consiglio istituto)






     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...