EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    cucina

    di Giansandro Rosasco | 07 Luglio 2018 | in categoria/e cucina edizione cartacea locali tempo libero uscire

    FILOVERDE, il locale che non c'era, dove il bello del ristorante sposa il buono dell'agriturismo

    FILOVERDE, il locale che non c'era, dove il bello del ristorante sposa il buono dell'agriturismo

    di Giansandro Rosasco

    Grazie all’esperienza a contatto con aziende agricole bio, caseifici e allevatori di eccellenza, ogni ingrediente qui è un concentrato di qualità e bontà. Uniti all’estro dello chef e alle idee dei titolari danno vita a un ambiente unico che offre occasioni speciali a tutte le ore: d
    alla colazione "da hotel" alla merenda della tradizione fino al decotto della buonanotte; poi vendita diretta eccellenze, eventi e molto altro.

    Prendi una coppia in cui lei, Veronica Sirianni, ha un passato da allevatrice e di agriturismo, con una passione per i dettagli e per l’accoglienza; lui, Sergio Guglielmetto, con un lavoro che lo porta a contatto diretto con le aziende agricole, conoscendo da vicino le eccellenze territoriali, anche le più piccole e sconosciute, verificandone in prima persona la qualità e la bontà, con una passione irrefrenabile per la storia gastronomica e la genuinità, nonché la voglia e la capacità di raccontarle. Ora mettete che gli venga voglia di aprire un ristorante e che trovino uno chef, Gian Paolo Peruzzi, capace di trasferire tutto questo in piatti innovativi con un occhio alla tradizione, curati, equilibrati ma soprattutto deliziosi.


    Ecco che avete la ricetta unica ed esplosiva del Filoverde, che deve il nome a quel filo invisibile che unisce le aziende agricole di Liguria e Piemonte, promuovendo e valorizzando produzioni di agricoltura sostenibile e naturale nel solco che unisce la terra alla tavola. Insomma, una realtà che non ha eguali e che per fortuna ha scelto, poco più di un anno fa, di aprire a Chiavari. Situato in una tipica villa chiavarese è circondato da un giardino rigoglioso, dove in giardino o in veranda o nelle bellissime salette si può pranzare, cenare e non solo, perché qui le occasioni si moltiplicano, come vedremo più avanti.  

    Il menù: un piacere per gli occhi e per la gola
    Per uno come me che ama stare con le gambe sotto al tavolo, descrivere questo locale è una gioia perché in genere trovo o trattorie alla buona con porzioni abbondanti oppure ristoranti eleganti dove arrivano assaggini per uccellini e poi ti tocca andare a mangiare una pizza. Qui invece la cura dell’ambiente e dei piatti fanno coppia con la giusta quantità, cosicché ne uscirete sazi nel corpo e nello spirito. Noi lo abbiamo capito sin dall’antipasto, una meravigliosa Battuta di carne piemontese al coltello, con funghi porcini, sedano e scaglie di parmigiano; la porzione faceva presagire di lasciarne un po’, ma poi.. si scioglieva in bocca, e quei funghi sapevano davvero di porcini, un profumo incredibile, con la sorpresa del sapore fresco del sedano a rendere tutto brioso. Idem il carpaccio di Tonno freschissimo, con julienne di mela verde: un abbinamento semplice ma sorprendente.


    Altri esempi di antipasti? Il Tagliere Filoverde con eccellenze selezionatissime e quasi introvabili, il Vitello Tonnato con salsa della tradizione o a modo nostro (insalatina di tonno capperi e uovo pochè), il Flan di verdure in crosta di Kataifi con fonduta di toma, la composizione di verdure grigliate con tometta scottata, il roast beef di fassona in crosta di erbe con insalatina di frutta, il prosciutto crudo della Val Susa con stracciatella e gnocco fritto ai 5 cereali.
    Non vi abbiamo ingolosito abbastanza? Ecco alcuni primi: Agnolotti piemontesi con concassè di pomodoro, basilico e mandorle tostate, Gnocchetti di ricotta al profumo di agrumi e bottarga, Risotto mantecato al gorgonzola pere e noci. Noi abbiamo assaggiato i piemontesissimi Tajarin al Castelmagno e nocciole...


    Che dire poi dei secondi? Ho finalmente trovato l’autentica cotoletta alla milanese, detta anche Orecchia di elefante per forma e grandezza, tassativamente preparata con lombata di vitello con osso panata e fritta in burro chiarificato. Quattro etti di pura libidine, che suggerisco di gustare in due oppure come piatto unico.

    Poi il Galletto alla Babi marinato alla birra, la Tagliata di tonno con finocchio, olive e arance, il Filetto di pesce (secondo il pescato del giorno) in trasparenza con guazzetto di mare.


    Originali e stuzzicanti perfino i contorni, troppo spesso sottovalutati e che invece qui diventano piatti a sé da tanto che sono buoni: noi abbiamo assaggiato le chips cacio e pepe, e l’insalata di rucola, fragole e grana. Entrambi superlativi.


    E, ricordiamolo, preparati con prodotti selezionati. E nel sapore la differenza si sente, eccome. Il tutto accompagnato da un ottimo vino, sia quello sfuso sia da scegliere nell’ottima selezione a disposizione. 


    Non dimenticatevi di assaggiare i dolci, tutti fatti artigianalmente e per citarne uno davvero particolare il Matchamisù (il tiramisu al the matcha), ma ovviamente non mancano i classici, come il Bonét piemontese. Anche questi sono abbondanti e vi assicuriamo che se riuscite a prendere antipasto, primo e secondo significa che siete delle ottime forchette.


    Nel caso invece aveste esagerato nelle ordinazioni, ammaliati come noi dai tanti piatti, ecco che vi porteranno le vaschette per finire tutto a casa. Che non si può rispettare il cibo e poi buttarlo, anche nell’ottica della fatica e del lavoro che ci sono voluti per coltivare, raccogliere, pescare, allevare e cucinare quello che avete davanti. Per concludere, la ciliegina sulla torta: i prezzi sono ottimi e non si paga il coperto. Pranzo settimanale 15€ o menù alla carta.

    E se siete in compagnia potete chiedere l’imponente Tavolo Conviviale in legno che troneggia nella prima sala e da cui si può ammirare lo chef all’opera.


    Porte aperte a ogni ora:la colazione da re, la merenda della tradizione, i decotti della buonanotte
    Anche per voi la parte più bella della vacanza in albergo è la colazione? Bene, non dovrete fare le valigie per gustarla. Filoverde è anche hotel e agli ospiti prepara una gloriosa colazione, aperta anche al pubblico: così magari una domenica mattina per fare festa o per un buongiorno con le amiche, o anche solo per un inizio di giornata un po’ speciale, potrete venire a gustare la colazione a buffet con prodotti biologici, dalla frutta agli yogurt, poi salumi e formaggi, mieli e marmellate, introvabili e ovviamente dolci e brioche  fatti in casa. Potete scegliere tra il buffet “Italiano” a soli 5 Euro e quello “Continentale” a soli 10 Euro.


    Nel tardo pomeriggio potrete invece gustare la Merenda sinoira, un pasto della tradizione piemontese, simbolo di un’antica convivialità: Acciughe al bagnet ross e al Bagnet verd, Il carpione composto da Anguille, fettine impanate, zucchine, melanzane, uova, tinca. Insalate di carne, Lingua in salsa, Capunet, formaggi e salumi. Insomma, quello che oggi si chiama Apericena ma che in realtà è di fatto una cena, compresa di acqua, vino della casa e caffè (minimo 4 persone, su prenotazione, €20). E se la sera avete voglia di qualcosa per conciliare la digestione o il buon riposo qui potrete prendere un decotto preparato al momento con erbe di campo. Insomma, dal buongiorno alla buonanotte.



    Eventi, vendita diretta e.. due dolcissime caprette
    Veronica e Sergio sono due vulcani di idee e due pozzi di conoscenza, per questo sono in programma degustazioni e incontri a tema, fino a iniziative didattiche per i più piccoli che si innamoreranno di questo posto sin dall’ingresso, dove ci sono due tenerissime caprette nane, addette a tenere pulito il verde circostante.


    Ultimo ma non ultimo aspetto importantissimo è la Vendita diretta:  qui al Filoverde è infatti possibile acquistare prodotti selezionati e che non si trovano altrove: frutta, verdura, latte, formaggi, carni e salumi, olio, vino, birra, confetture, estratti, té e tisane. Noi abbiamo provato al momento un’incredibile ricotta di bufala e acquistato la marmellata di bergamotto. Insomma, ci sono mille motivi per andarci. E per tornarci, come faremo noi.





    RISTORANTE FILOVERDE
    Chiavari Via Gonnelli Cioni 1 (ingresso dell’autostrada)
    Tel 0185.1871611
    www.filoverderistorante.it

    Tratto da CORFOLE! del 7/2018, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...