EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO vendo bici da uomo winner...
    • VENDO vendo bici bimba (3 anni)...
    • REGALO regalo antica singer non ...
    • REGALO regalo cappottino imperme...
    • VENDO monitor plasma 42" sony...
    • VENDO panca ad inversione, smon...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualita, ecologia, edizione cartacea

    di Simone Parma | 01 Febbraio 2018 | in categoria/e attualita ecologia edizione cartacea

    Il suolo si disfa sotto di noi: in Liguria in cinquecentomila a rischio frane e dissesto

    Il suolo si disfa sotto di noi: in Liguria in cinquecentomila a rischio frane e dissesto

    Frazioni isolate e strade inagibili: unica soluzione la cura del territorio

    Cinquecentomila. È questo il numero di liguri che - stando ai dati pubblicati pochi giorni fa nel dossier di Legambiente - vivono in zone a rischio idrogeologico. In realtà sono molti di più perché solo 75 comuni su 234 (32%) hanno fornito i dati necessari ai rilevamenti.


    Strade: inizio anno difficile
    La cronaca di un terreno fragile e sensibile anche a precipitazioni nella media inizia proprio a Capodanno, quando gli abitanti di Levaggi nel comune di Borzonasca restano praticamente isolati a causa di un frana in un terreno privato che mette a repentaglio la strada principale. Così per quasi 20 giorni sono stati obbligati a compiere un tragitto alternativo molto difficoltoso e persino pericoloso: “I miei genitori si trovano al di là della franaci racconta Paola Mitidieri – e per raggiungerli la strada è lunga e pericolosa. Essendo molto stretta sarebbe davvero un problema raggiungere le frazioni anche per mezzi di soccorso ed ambulanze”.

    Ciò che però ha più sorpreso gli abitanti è stato il fatto che la frana non sia avvenuta in condizioni di estremo maltempo: “In quei giorni la pioggia non è stata molta e forse effettuando la necessaria manutenzione si poteva evitare la chiusura totale della strada”.

    Abbiamo chiesto al Sindaco Giuseppino Maschio qual è l’iter di questi casi: “Quando le frane sono su terreni privati è necessario fornire loro il tempo per intervenire. Questo crea un allungamento dei tempi che abbiamo provato ad accorciare inviando i nostri messi comunali a notificare l’accaduto ai proprietari. Il 16 Gennaio abbiamo potuto iniziare i lavori e qualche giorno dopo mi sono assunto la responsabilità di riaprire la strada in deroga ai servizi di trasporto e per le urgenze”.

    Tragedia sfiorata sull’Aurelia
    Se a Borzonasca il disagio ha interessato un numero ristretto di persone, quello che è avvenuto sull’Aurelia ha invece avuto ripercussioni enormi sull’economia e la vita di migliaia di persone. Questa volta è l’Epifania a portare la cattiva novella: il 6  Gennaio infatti, a causa di una frana dal costone di Sant’Anna, ANAS ha proceduto alla chiusura delle gallerie che collegano Sestri Levante a Lavagna. La situazione si è parzialmente risolta il 19 gennaio con la riapertura a senso unico alternato. Una situazione non nuova: già nel 1953 una frana - ben più estesa - ha sotterrato buona parte della stessa area.

    Ora è andata meglio, ma il fatto che episodi del genere si ripetano è il segnale tangibile di quanto il territorio sia fragile. Un ritorno all’agricoltura o quantomeno alla cura dei terreni abbasserebbe notevolmente questi rischi e creerebbe una rete di “sentinelle” che potrebbero avvisare della presenza di rischi, permettendo di intervenire in prevenzione, prima di sfociare in tragedie.


    Raggiungere Sestri? Un’avventura tragicomica

    La mia esperienza con l'Aurelia chiusa


    Proprio durante la chiusura delle galleria di Sant’Anna, ho dovuto per forza raggiungere la città dei due mari, ritrovandomi in un’esperienza fantozziana. Partenza alle ore 9:00 circa dalla Val Fontanabuona. Ingorgo crescente dal centro di San Salvatore di Cogorno, che diventa vera e propria congestione anche per via di lavori in corso: dopo quasi venti minuti di coda entro in autostrada, dove si accalcano tutte le auto, moto e i camion che normalmente circolano sulle strade cittadine. Ancora prima di arrivare alla svolta per il casello di Sestri inizia la coda (l’ennesima) per l’uscita. Tutti pazientemente incolonnati attendiamo il nostro turno con biglietto e portafoglio in mano e la rassegnazione stampata in volto. Arriva il mio turno alla cassa automatica, inserisco il biglietto, poi il bancomat e lo estraggo. Passa un minuto, ne passano due e la sbarra è sempre giù. Schiaccio ripetutamente il tasto rosso di aiuto ma nessuno risponde: la cassa automatica si è bloccata. Quelli in coda dietro di me iniziano ad agitarsi e insultare, ma la sbarra mi tiene prigioniero e nessuno si fa vivo. Dopo quindici minuti di attesa (e di insulti) passo a una soluzione drastica: chiamo direttamente Autostrade per l’Italia. Dopo altra attesa finalmente al call center della sede centrale qualcuno risponde: “Sono prigioniero del casello a Sestri Levante, riesce a farmi aprire la sbarra?” chiedo. Il gentile signore romano si fa carico della mia richiesta: “Nun tè preoccupà, chiamo io”. Dopo un paio di minuti ecco arrivare il casellante che mi chiede con aria sbigottita se sia stato io a chiamare Roma per farmi aprire. Tra la furia della coda,  anche lui rassegnato, mi libera dalla mia prigionia alzando la sbarra. “Per la ricevuta?”, chiedo “Per quella devi andare al Punto Blu di Rapallo” mi risponde lui. Ecco, mi tocca fare un’altra coda.


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Nell'Oceano c'è un'isola di plastica grande tre volte la Francia!

      Urge una presa di coscienza su consumi e imballaggi; al momento possiamo preferire confezioni senza plastica e dove c’è, fare bene la diffenzia...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...