EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    VINI DI LIGURIA - "Tenuta Anfosso": da generazioni l'amore per la vigna produce grandi vini autoctoni, come il Rossese di Dolceacqua Superiore Luvaira 2010

    Oggi si può dire che la realtà dei vini liguri è in piena e costante crescita non solo quantitativamente (anche se le rese restono limitate) ma soprattutto qualitativamente e il R...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    cultura, edizione cartacea, storia locale

    di Simone Parma | 05 Ottobre 2017 | in categoria/e cultura edizione cartacea storia locale

    Dario Fo: le polemiche a Sestri, le bravate a Cavi e l'importanza del mese d'ottobre

    Dario Fo: le polemiche a Sestri, le bravate a Cavi e l'importanza del mese d'ottobre

    Lo stretto rapporto del giullare” d’Italia con il Levante, che balzò così agli onori delle cronache

    In questo mese ricorrono il debutto del “Mistero buffo”, il Nobel per la Letteratura e la sua scomparsa

    E’ la sera del 1 Ottobre 1969, sembra un normale martedì e invece al Teatro Ariston di Sestri Levante si sta scrivendo una pagina di storia della nostra cultura. Sul palco c’è un giovane attore, il suo nome è Dario Fo e sta debuttando con la prima assoluta dello spettacolo “Mistero Buffo”, una delle rappresentazioni che rese celebre l’attore non solo in Italia ma in tutto il mondo e che lo portò verso il Premio Nobel per la Letteratura assegnatogli nel 1997. L’anno prima con Franca Rame aveva fondato il gruppo teatrale Nuova Scena, che rappresentò i propri spettacoli in tutte le sale ARCI, Associazione Ricreativa Culturale Italiana, controllata dall’allora Partito Comunista Italiano.

    Il Teatro di Sestri rientrava fra quelle e oltre al Mistero Buffo la compagnia di Fo mise in scena lo spettacolo “Legami pure che tanto io spacco tutto lo stesso”. Entrambi gli spettacoli rappresentati a Sestri Levante erano ricchi di critiche, nemmeno troppo velate, al Partito Comunista e di esortazioni ai lavoratori nel prendere coscienza della loro situazione e fare qualcosa per risvegliare il partito. Il tutto affrontato però con l’ironia pungente, quasi dissacrante, nel tipico stile di Fo.
     
    Proprio questa ironia su Partito e sui lavoratori stessi, scatenò le contestazioni dei presenti (in maggioranza operai di sinistra) che si sentirono probabilmente offesi da quella che loro interpretarono come presunzione dell’attore e della sua compagnia. I “mugugni” furono così forti da portare Franca Rame alle lacrime, proprio sul palco dell’Ariston. Era l’inizio del “caso Dario Fo” che portò i dirigenti genovesi del Partito addirittura a censurare le recensioni dello spettacolo su L’Unità.
     
    Si creò così una frattura fra chi era a favore di quella comicità “caustica” e chi contrario. La storia di quell’evento e delle lacrime di Franca Rame fu raccontata dall’allora trentatreenne Corrado Augias che su L’Espresso, nell’articolo “Ma il Partito non si diverte” approfondì la vicenda e oltre ai dirigenti genovesi dell’epoca intervistò anche il chiavarese Cesare Risso, militante del partito. Il “caso Dario Fo” mise così il Levante al centro dell’attenzione della sinistra di quegli anni, ma allontanò per sempre l’attore dalle nostre sale teatrali.

    Il 9 ottobre del 1997 Dario Fo riceve dalle mani del re Gustavo di Svezia il Premio Nobel per la letteratura:
    “Perché, seguendo la tradizione dei giullari medioevali, dileggia il potere restituendo la dignità agli oppressi.”

    ll ringraziamento a Franca Rame: “Senza di lei per una vita al mio fianco non ce l’avrei mai fatta a meritare questo premio.”

    Il discorso... buffo al ritiro del Nobel: “(...) Ecco, io sono abituato a realizzare dei discorsi con le immagini (...) ogni tanto vi mostrerò dove siamo, così non perderete il filo (...). C’è il problema delle risate: quelli che capiscono l’italiano rideranno subito, poi quelli che debbono aspettare la traduzione e gli altri che non sanno se ridere alla prima battuta o alla seconda. Ad ogni modo cominciamo. (...)”

    GLI ANNI '40 E LE FESTE SUL MARE

    Scavando nei ricordi si scopre che le sue apparizioni nella nostra zona risalgono addirittura alla fine degli anni Quaranta. La guerra era appena finita e dopo il periodo buio arrivò quello delle feste. A Cavi era appena stato inaugurato un ostello della gioventù (in quello che ora è noto come Castello Frugone). Emilio Tadini, futuro pittore e saggista di fama, ne era un frequentatore e per le vacanze di Natale fu accompagnato da un giovanissimo Dario Fo. Tra i tanti partecipanti alle feste c’era anche Giorgio Banfi e la sua futura moglie, il cui ricordo ci viene raccontato dal figlio Stefano (in foto): “Fo aveva rappresentato ai presenti nell’ostello la storia della fabbrica che trasformava “ la cacca” in burro bianchissimo... una delle tipiche storie che solo lui sapeva raccontare facendo sganasciare tutti dalle risate. Ma faceva anche delle cose assurde, come sdraiarsi sull’Aurelia insieme ad altri ragazzi dell’ostello ad aspettare l’arrivo dell’auto per vedere chi si alzava per ultimo”. Storie di gioventù, che l’attore non dimenticò: “circa due anni fa - Continua Stefano Banfi - durante una sua apparizione pubblica andai a salutarlo e lui  riconobbe mia mamma dopo tanti anni!”.

    Un personaggio che unì e divise sotto il segno della sua ironia e capacità di muovere le coscienze, ma che sicuramente lasciò un segno indelebile, anche dalle nostre parti.

    Tratto da CORFOLE! del 10/2017, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      VINI DI LIGURIA - "Tenuta Anfosso": da generazioni l'amore per la vigna produce grandi vini autoctoni, come il Rossese di Dolceacqua Superiore Luvaira 2010

      Oggi si può dire che la realtà dei vini liguri è in piena e costante crescita non solo quantitativamente (anche se le rese restono limitate) ma soprattutto qualitativamente e il R...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      BUONMESE di Giansandro Rosasco - Terremotati (si nasce)

      Sto giro voglio parlare dei terremotati, non delle povere anime del centro Italia ma dei personaggetti che non perdono occasione per dimostrarsi tali. Da quella del Gr...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...