EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO vendo tavolo ping pong da...
    • VENDO vendo lancia in vetrores...
    • VENDO vendo pattini roller blad...
    • IMMOBILIARE cerco casetta indipendent...
    • IMMOBILIARE privato affitta a carasco...
    • VENDO vendo causa traslico ster...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Elegante ricetta autunnale: lo stinco all'uva e mele

    Ecco una ricetta da vero chef, ma a portata di tutti!Per 4 persone prendete 2 stinchi di maiale o vitello, circa 300 gr di uva mista, 1 cucchiaio di miele, erbe aromatiche, 100 gr di burro, 1 cucc...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualita, diritto, edizione cartacea

    di Giansandro Rosasco | 03 Aprile 2017 | in categoria/e attualita diritto edizione cartacea

    VOUCHER: "Andava migliorato non eliminato" - "Senza questo strumento niente lavoro"

    VOUCHER: "Andava migliorato non eliminato" - "Senza questo strumento niente lavoro"

    C’è chi ha potuto riscattare le rate del condominio lavorando e non vedersi così la casa all’asta, chi ha potuto fare esperienze e chi arrotondare

    Qual è la vostra esperienza? Raccontatela a redazione@corfole.com

    Ormai è ufficiale: i voucher, spesso accusati di “rendere istituzionale il precariato” sono stati archiviati. Il “buono lavoro” è - o meglio, era - una modalità di retribuzione per lavoro occasionale di tipo accessorio. Il rischio che qualuno ne abusasse c’era, ed è stato dato molto spazio a questo lato della medaglia, togliendo così di fatto questo importante strumento ai tantissimi che invece ne stavano facendo uso con il giusto criterio, offrendo lavoro retribuito e coperto dai contributi che altrimenti sarebbe stato impossibile dare. è infatti irragionevole pensare che abolendo questo metodo i lavori si trasformino magicamente in contratti a tempo determinato o indeterminato. Il costo del lavoro in Italia è alto ed è necessario trovare strumenti fruibili da entrambe le parti. Abbiamo così deciso di ascoltare le voci di alcune persone sul nostro territorio per sentire una “campana diversa”, quella di chi li utilizzava in maniera regolare.

    GLI iMPRENDITORI: “Abbiamo potuto dare lavoro regolarizzato e risolvere situazioni critiche”

    1) Luca Antonini, pasticceria Copello di Chiavari
    “Dopo aver sperimentato un periodo di contratti a chiamata, ridondanti e burocratici, siamo passati ai voucher, uno strumento facile sia per l'imprenditore sia per il lavoratore. Abbiamo risolto molte problematiche relative alle prestazioni occasionali come il personale di cucina e di sala per gli eventi di catering: prestazioni che potevano durare da un paio di ore ad un paio di giorni, fino al ragazzo delle consegne per prestazioni veramente occasionali durante l'anno ed alcuni giorni a Pasqua ed una decina durante il mese di dicembre. Era uno strumento che permetteva di far incontrare la domanda con l'offerta ed in questo paese le cose non vogliamo che funzionino quindi invece che regolamentare meglio, ovvero definire cosa si intende per lavoro occasionale, hanno preferito cancellarli”.

    2) Anna Cella, Studio Cella amministrazioni condominiali di Lavagna
    “Per noi sono stati molto utili per quelle prestazioni occasionali che nel nostro settore capitano sovente. In un caso abbiamo regolarizzato una situazione che nell’amministrazione condominiale precedente non era stato possibile sistemare, offrendo la copertura assicurativa che non era affatto prevista. In un altro abbiamo dato la possibilità a chi voleva intraprendere un’attività di impresa di pulizie di poter lavorare in un condominio senza dover aprire una Partita Iva che avrebbe avuto un esborso impossibile da sostenere (anche solo  in termini di Inps sono migliaia di Euro l’anno NDR). Ultimo, ma per certi aspetti più importante caso, i voucher hanno fatto da ammortizzatore sociale in quanto un condomino, sempre regolare nei pagamenti, si è trovato a non poter pagare più le sue rate e per evitare di fargli andare l’appartamento in asta gli altri condomini hanno acconsentito di fargli svolgere qualche mansione tutelando il condominio e lui stesso con principi di buon senso. Senza i voucher come sarebbe finita questa situazione?”.

    3) Giacomo Figà, Studio Odontoiatria Naturale di Rapallo
    “Ci serviva un’assistente per quattro ore la settimana e per qualche mese. Senza i voucher avrei dato più soldi al commercialista per le pratiche che all’assistente. Peraltro lavorava già in altro studio e così ha potuto arrotondare le entrate in modo regolare”.

    I LAVORATORI: “non avrei fatto esperienze importanti"
    4) Andrea Chiantore, grafico e operatore tv di Rapallo
    “Nel 2014 quando tornai dall’Inghilterra i voucher furono per me molto utili in quanto mi permisero di lavorare in regola presso una televisione locale. Successivamente il lavoro si incrementò e una volta stabilizzato ho aperto la Partita Iva e ora mi occupo a tempo pieno di sviluppo e grafica web per realtà come PrimoCanale e AppFactory; se non fossero esistiti i voucher avrei potuto fare la stessa esperienza?”

    L’ECONOMISTA: “andava migliorato, non buttato”
    In un momento di incertezza economica e con la scomparsa dei lavori a progetto, l’imprevedibilità dell’economia tollera a fatica la rigidità dei rapporti di lavoro,  spiega l’Istituto Bruno Leoni. Se c’è una cosa che fa più male della rigidità e onerosità dei contratti, è - come al solito - l’incertezza del contesto legale. E’ bastato minacciare un referendum perché il governo mettesse in discussione la sua riforma dei voucher che tanto aveva difeso solo pochi mesi prima. Il disegno di legge in discussione ne consente l’uso solo in ambito familiare o da imprese prive di dipendenti e studi professionali, e torna ad abbassare il limite economico di utilizzo, con una severità ancor più marcata rispetto alla legislazione precedente il Jobs Act. La convenienza dei voucher non è stata quella di aumentare, di per sé, i posti di lavoro, bensì quella di agevolare prestazioni regolari di lavoro in un mercato incerto: facilissimi da usare, immuni da ogni burocrazia, semplici da capire sia per il datore che per il lavoratore, poco costosi dal punto di vista fiscale, si sono dimostrati uno strumento agile e immediato, anche nella riscossione, per far fronte a molte ipotesi di prestazioni occasionali e accessorie. Se ne è abusato da quando ne è stato consentito un uso più esteso col Jobs Act? Forse. Come si può abusare di ogni strumento che il diritto ci mette a disposizione. Ma altrettanto probabilmente se ne è abusato molto meno di quanto si pensi.
    - I NUMERI
    Dal 2011 al 2015 i voucher sono passati da 15 milioni a 115 milioni, per un peso economico rispetto al lavoro dipendente privato che è andato dall’1,5% all’8,8%. Nel 2016, appena dopo il Jobs Act, sono stati venduti 300 mila voucher in più.

    La loro fortuna, quindi, non è storia di oggi, ma è andata crescendo perché ha consentito di far fronte in maniera legale e poco costosa a mutevoli e disparate esigenze. Il rischio è che l’alternativa al lavoro dipendente non sia il lavoro accessorio, ma quello in nero.


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      BUONMESE di Giansandro Rosasco - Terremotati (si nasce)

      Sto giro voglio parlare dei terremotati, non delle povere anime del centro Italia ma dei personaggetti che non perdono occasione per dimostrarsi tali. Da quella del Gr...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...