EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE affitto o vendo appartame...
    • VARIE cerco baracchino cb con b...
    • IMMOBILIARE affitto o vendo appartame...
    • VARIE cerco antica conchiglia s...
    • VARIE cerco una vecchia bicicle...
    • VENDO vendo soggiorno classico ...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Ricetta afrodisiaca.. pollo 'dolceforte' al cioccolato

    Ingredienti: 1 l. brodo di pollo, 3 cucchiaini da te’ cacao amaro, 2 cucchiaini da te’ cannella, 1 cipolla, 2 cucchiaini da te’ concentrato di pomodoro, 4 cucchiai da tavola farin...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    edizione cartacea

    28 Gennaio 2017 | in categoria/e attualita diritto edizione cartacea esperti

    Correntisti tassati per salvare le banche: famiglia di Casarza da' l'esempio e si ribella nell'unico modo possibile, cambiare banca (controllate l'estratto di fine anno)

    Correntisti tassati per salvare le banche: famiglia di Casarza da' l'esempio e si ribella nell'unico modo possibile, cambiare banca (controllate l'estratto di fine anno)

    “Noi siamo cresciuti credendo che le banche fossero luoghi dove i risparmi si conservassero e crescessero. Non dove te li portano via.”

    Il “Fondo Nazionale di Risoluzione delle crisi bancarie” nasce come sostegno dalle banche alla banche, per evitare dissesti e fallimenti, ma i soldi per finanziarlo sono stati prelevati direttamente dai conti correnti dei risparmiatori. Il 31 dicembre scorso alcuni istituti hanno applicato il “prelievo”, arrivato fino a 25€ annui, come nella storia che vi stiamo raccontando. A tutti i correntisti era stata data comunicazione di questa manovra da ottobre, attraverso una lettera di modifica unilaterale del contratto. Una sorta di proposta non rifiutabile, se non con la chiusura del conto (gratuita) entro 60 giorni dalla ricezione della comunicazione.

    PER 75 EURO HANNO PERSO TRE CORRENTISTI
    Se da una parte le banche garantiscono la loro sopravvivenza applicando quello che sembra un “rubare ai poveri per dare ai ricchi”, chi ha letto l’estratto conto al 31/12 non ha potuto fare a meno di restare sorpreso. La famiglia Ganci residente a Casarza Ligure ha detto di “no” nell’unica maniera possibile: cambiare banca.

    “Il Banco Popolare - racconta Guido -  mi offriva un conto a costo zero per le sole operazioni on-line, ma da quest’anno ha inserito un balzello di 25 Euro tondi tondi”, per il fondo “salva banche. La notifica è arrivata tramite posta elettronica a Settembre ed è colpa mia non averla aperta. Di conseguenza mi sono stati addebitati i 25 Euro alla chiusura della contabilità del 31 dicembre con dicitura "spese elaborazione conto" senza nessuna ulteriore comunicazione”. Siccome la stessa sorte è toccata alla moglie, Giovanna Rezzoagli Ganci, e al figlio per un totale di 75 Euro, Guido ha deciso di chiudere i conti correnti e cambiare banca per tutti: “Noi siamo cresciuti credendo che le banche fossero luoghi dove i risparmi si conservassero e crescessero. Non dove te li portano via” chiosa Guido.
    Ma non tocca solo ai correntisti del Banco Popolare far fronte a nuovi addebiti. Dal settembre scorso Ubi ha aumentato il canone annuo di 12 euro (per i clienti con più di 30 anni) ma questa volta per finanziare un altro strumento, ovvero il Fondo interbancario di tutela dei depositi che, in caso di fallimento della banca, dovrebbe tutelare fino a 100mila euro la liquidità del risparmiatore.


    UNA SCUSA PER GIUSTIFICARSI
    Ogni istituto è chiamato a contribuire al “fondo salvabanche” in ragione di alcuni parametri (profilo di rischio, passività ecc.). Se una banca non ha le risorse per contribuire non può certo trovarle prelevandole dai correntisti, tanto che non esiste nemmeno una dicitura per giustificare questa operazione. Infatti la famiglia Ganci – come molte altre - sull’estratto conto ha trovato come giustificativo “spese di elaborazione conto”. Un po’ come se sullo scontrino del vostro ultimo maglione trovaste 50 centesimi in più perché al negoziante è aumenta la bolleta della corrente.

    L’UNICA DIFESA è DARE UN SEGNALE FORTE: CAMBIARE BANCA
    Anche Altroconsumo sottolinea come l’unica difesa per i “piccoli” cittadini di fronte alle “grandi” banche sia di cambiare istituto e informarsi bene. Se lo facessero tutti, le banche non potrebbero più agire in questo modo.

    Se avete il conto corrente in uno degli istituti citati controllate l’estratto di fine anno: potrebbero aver prelevato i soldi anche a voiSe avete il conto corrente in uno degli istituti citati controllate l’estratto di fine anno: potrebbero aver prelevato i soldi anche a voi



    PER SAPERNE DI PIU'

    Cos’è il fondo salvabanche
    è stato istituito dalla Banca d’Italia per risanare i conti di alcuni istituti in difficoltà, tra i quali Banca Marche, Etruria, CariFerrara e CariChieti.

    Come viene finanziato
    Il fondo è stato riempito anche grazie a prelievi forzosi dai correntisti di alcune banche. Il prelievo è stato applicato il 31 dicembre e i correntisti erano stati informati a settembre con una lettera (di quelle che nessuno legge) in cui si comunicava la modifica contrattuale unilaterale: l’unico modo per rifutare era chiudere il conto entro 60 giorni.

    Chi paga e quanto
    Unicredit e Ubi hanno applicato una “tassa” dai 2 ai 3 Euro mensili. Niente in confronto al Banco Popolare che ha tassato i propri correntisti per 25 euro annui, che moltiplicati per il mililone e mezzo di conti stimati significa quasi 30 milioni spariti dalle tasche dei cittadini. Tra gli istituti che invece non hanno applicato l’aumento: Montepaschi, Bpm, Intesa San Paolo e Fineco.

    La banca può cambiare le condizioni senza la nostra approvazione?
    La risposta è sì. Sappiatelo, anche in futuro se gli istituti presenteranno valide motivazioni per farlo potranno aumentare i costi dei conti correnti senza richiedervi nemmeno la conferma di esserne a conoscenza. In questi casi infatti vale il “silenzio assenso”: la banca deve solo dare comunicazione della variazione entro 60 giorni dall’applicazione dell’aumento o della variazione contrattuale. In questo periodo i correntisti hanno solo la possibilità di chiudere il conto alla vecchie condizioni e cercare un’alternativa.

    Come tutelarsi
    Informandosi. Al sito www.altroconsumo.it oltre a tutte le indicazioni del caso si può trovare una bella comparazione dei costi, banca per banca. Così potrete decidere verso quale migrare.


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      BUONMESE di Giansandro Rosasco - Terremotati (si nasce)

      Sto giro voglio parlare dei terremotati, non delle povere anime del centro Italia ma dei personaggetti che non perdono occasione per dimostrarsi tali. Da quella del Gr...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...