EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO chitarra non da bambini.....
    • VENDO vendo n.6 bicchieri birra...
    • VENDO vendo camera matrimonial...
    • VENDO vendo n. 2 lettini ortope...
    • VENDO vendo arredamento bagno n...
    • VENDO vendo scarpiera moderna a...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    diritto, ecologia, edizione cartacea

    di Simone Parma | 03 Maggio 2016 | in categoria/e attualita diritto ecologia edizione cartacea salute

    BOLLETTA ACQUA conguagli dei conguagli, irregolarità e nessuno che sappia dare spiegazioni: possibile che per capire serva un avvocato? - Ecco come due cittadine hanno vinto contro i colossi.

    BOLLETTA ACQUA conguagli dei conguagli, irregolarità e nessuno che sappia dare spiegazioni: possibile che per capire serva un avvocato? - Ecco come due cittadine hanno vinto contro i colossi.

    Allo stesso utente sono arrivate diverse bollette (altissime) di CONGUAGLIO + ACCONTO, ma per periodi che si accavallano tra loro, com’è possibile?


    Non è la prima volta che ci occupiamo di acqua e probabilmente non sarà l'ultima. Questa volta siamo stati chiamati da un gruppo di cittadine del Golfo Paradiso, che ci hanno segnalato diverse anomalie sulle bollette di Mediterranea delle Acque e IREN. Le nostre lettrici, infatti, dopo aver scritto, chiamato i vari servizi clienti, visitato uffici, fatto chiamare da nipoti e parenti, hanno ottenuto soltanto dei rimpalli: «a breve uscirà una guida», «ci scusiamo per il disagio», «errori ne possono capitare con tutte le utenze che ci sono!».

    Nessuno che sappia dare una spiegazione al perché le bollette abbiano tutte l’intestazione “Conguaglio + Acconto” in periodi tra l’altro che si accavallano, e inoltre con aumenti rispetto al 2013 del 50/100% per lo stesso periodo. Ancora più grave il caso di una bolletta addebitata, ma senza aver mai recapitato la fattura, nemmeno dietro sollecito. Ci siamo fatti così carico del problema e abbiamo provato a “smuovere noi le acque”, sentendo associazioni, responsabili ATO e sindaci ma anche in questi casi dall’altra parte del telefono solo caos, mezze giustificazioni e rimbalzi da un ufficio all'altro. E la bolletta, con i suoi errori, rimane incomprensibile. Comunque, dalla nostra piccola indagine abbiamo scoperto che gli aumenti dovrebbero essere del non più del 5/7% all'anno e che le bollette non recapitate non devono essere assolutamente pagate. 


    Vittoria di due cittadine contro i colossi dell’acqua: i loro casi fanno scuola








    L'avvocato lo hanno interpellato prima Elisabetta Del Signore (a sin.), per opporsi alla “remunerazione del capitale” che appariva ancora in bolletta nonostante l'esito referendario la vicenda su Corfole Settembre 2013 -, e recentemente Silvana Viacava (a destra), contraria all'applicazione di una tariffa di depurazione che comprendeva già un depuratore di secondo livello che a Rapallo non c'è ancora (n.d.r. L'impianto di primo livello tritura solamente, mentre l'Unione Europea ne richiede uno di secondo livello, che al termine del ciclo produca esclusivamente acque bianche, pena sanzioni a carico dei Comuni inadempienti, cioè dei cittadini).  In entrambi i casi il Giudice ha dato ragione alle utenti, che caparbiamente e grazie ai loro legali hanno raggiunto un risultato per niente scontato, ottenendo il rimborso e creando un precedente che sicuramente è un segnale per sedare il caos a livello legislativo nazionale. Nel caso di Rapallo, seguito dall'avvocato Riccardo Aloisi, la sentenza arriva dopo tre precedenti contrarie e pertanto ha un valore molto importante, tanto che gli esponenti del Movimento Cinque Stelle della città, rappresentati dal capogruppo Federico Solari, hanno ufficialmente richiesto al Comune di tenerne conto per tutelare i cittadini e permettere un risparmio del 30%, l'intera voce di depurazione.


    L'acqua è un bene comune? Sì, no, boh. E’ ancora caos a livello nazionale
    I cinque anni dal Referendum che hanno visto gli italiani votare “Acqua bene comune” non sono bastati per schiarire le idee a elettori ed eletti. M5S e SEL stanno ancora cercando di far approvare una legge che garantisca che l'acqua venga effettivamente trattata come bene comune, mentre il PD tergiversa e riscrive le regole di un referendum già votato. Pochi giorni fa la deputata PD Bargero ha affermato che “L’acqua pubblica che arriva nelle nostre case non può essere considerata un bene pubblico”, il caos è assicurato.



     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...