EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    DADO FAI DA TE - Farlo in casa è facile, ed è più saporito e sano, specie per i bambini

    Se c’è una cosa bella dell’autunno sono i profumi della cucina: torna la voglia di piatti caldi e magari complessi, come zuppe, risotti, arrosti, mi...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualita, edizione cartacea, storia locale

    di Michela De Rosa | 07 Aprile 2016 | in categoria/e attualita edizione cartacea storia locale

    Quando il nostro entroterra era zona “da imperatori”: ecco la pietra che riscrive la storia. Un reperto unico, "scippato" al territorio

    Quando il nostro entroterra era zona “da imperatori”: ecco la pietra che riscrive la storia. Un reperto unico, "scippato" al territorio

    di Michela De Rosa

    E’ un ritrovamento eccezionale, ma è soprattutto una vicenda degna di un thriller storico quella che ruota attorno al cippo rinvenuto sul Monte Ramaceto, nel territorio del Comune di Orero (Val Fontanabuona). Gli elementi ci sono tutti: 1988, l’allora brigadiere del Corpo Forestale dello Stato di Casarza Italo Franceschini smuove una grossa pietra per verificare la presenza di vipere e accortosi dell’iscrizione scatta una foto, presentandola nel suo rapporto, ma nesuno vi bada; arriviamo al 2014, quando Franceschini va in pensione e si decide a fare ordine tra le foto, stampando anche quella della “strana pietra” e inviandola all’amico archeologo Roberto Maggi, che ne capisce subito l’importanza; scatta così l’attenzione della Soprintendenza ai Beni culturali che invia “sulla scena” un nutrito gruppo di agenti della polizia provinciale che, proprio come dei detective, setacciano la zona per mesi, ma della pietra neanche l’ombra; ci riprovano più volte, finché, aiutati da esperti locali del territorio e dagli abitanti del luogo, si raggiunge l’agognato ritrovamento. E infine la conferma: quella pietra rivoluziona secoli di storia. Scopriamo perché.
     
    Il significato del cippo
    Risale al 200 d.C. e il suo utilizzo è chiaro: delimitare due terreni confinanti, come si deduce dalle iscrizioni che si riferiscono ai rispettivi proprietari, come spiega Giovanni Mennella, tra i massimi esperti di epigrafia latina e presidente della Tigullia. Infatti, su un lato la pietra riporta la dicitura “Caesaris N.”, che sta per “Caesaris nostri”, ossia “proprietà del nostro Cesare”. Ciò significa che il terreno su questo lato  era di proprietà dell’imperatore. Le lettere PMG sull’altro lato possono essere interpretate in due modi diversi: potrebbero riferirsi a un ricco proprietario terriero oppure indicare i fondi lì posseduti dal comune di Genua, al quale in epoca romana era sottoposta la riviera orientale.

    Ma cosa ci facevano i romani sul Ramaceto nel Secondo Secolo dopo Cristo?  
    Probabilmente, già all’epoca, il monte era sfruttato come grandissima fonte di legname, utile nella cantieristica navale ma anche per riscaldare le terme. E’ inoltre probabile l’uso del territorio per attività connesse all’allevamento del bestiame.   Come ha spiegato il professor Mennella, recenti studi sui pollini, condotti con specialisti protostorici, suggeriscono che in età romana nella zona sia stato introdotto il faggio, che si sposa bene anche con l’allevamento caprino e ovino.

    Perché è così importante?
    Innanzitutto perché è il primo ritrovamento in tutta Italia di un cippo confinario delle proprietà imperiali. Non solo, è tra le poche testimonianze del genere esistenti: reperti simili infatti sono noti solo in Spagna e in Siria. Ma ciò che “sconvolge la storia locale” è il quadro storico-economico che ne deriva e che rivoluziona le conoscenze che si avevano finora sulla presenza romana in Liguria e in particolare sull’area di Levante: finora si pensava infatti che la nostra riviera fosse caratterizzata da piccole proprietà terriere, mentre il cippo suggerisce l’ipotesi che la zona fosse sede produttiva ed economicamente allettante persino per l’imperatore, sia per quanto riguarda la produzione di legname sia per l’allevamento.

    E ora che ne sarà del cippo? Intanto lo hanno scippato al territorio
    I reperti considerati di “rilevante importanza” vengono di fatto requisiti dallo Stato, passando direttamente alla Soprintendenza ai Beni Culturali che decide cosa farne. Come prima cosa è stato esposto in una mostra a Genova, snobbando del tutto il territorio in cui è stato ritrovato, ossia il nostro entroterra o quantomeno il Levante. La cosa forse non deve sorprendere visto che lo stesso Comune di Orero non solo non è stato coinvolto nelle ricerche né tantomeno nelle esposizioni, ma addirittura ha saputo del ritrovamento sul suo territorio solo dagli articoli dei giornali. Capiamo che a Genova il reperto può avere ben più visibilità, ma è anche vero che va a sommarsi a tante altre attrazioni, passando così in sordina, mentre qui avrebbe la valorizzazione del pezzo unico. Senza contare che è di questo territorio che parla, dicendoci che ai tempi dei romani queste zone erano altro che “aree drepresse”. Insomma, diamo a Cesare quel che è di Cesare. Intanto speriamo che questo cippo non resti solo un “importante ritrovamento”, ma diventi l’innesco di una nuova consapevolezza sulle risorse locali, come fonte produttiva, agricola e turistica.

    Tratto da CORFOLE! del 4/2016, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      BUONMESE di Giansandro Rosasco - Terremotati (si nasce)

      Sto giro voglio parlare dei terremotati, non delle povere anime del centro Italia ma dei personaggetti che non perdono occasione per dimostrarsi tali. Da quella del Gr...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...