EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Ossibuschi alla milanese

    Per 4 persone: ossibuchi di vitello (anche di vitellone a condizione che non sia carne appena macellata), 50 grammi di burro, 1 cucchiaio di olio extra vergine d'oliva, farina, 100 grammi di cipolla, ...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualità

    01 Agosto 2010 | in categoria/e attualita

    il dilemma della tomba di Fracchia: per metterci una pietra sopra serve il federalismo

    il dilemma della tomba di Fracchia: per metterci una pietra sopra serve il federalismo

    “Quattro case ammucchiate attorno ad una chiesa: una fungaia nata ai piedi di un giglio… solitudine e silenzio. Silenzio infinito e carico di arcano, rotto solo da un muoversi di ruota: la macina che frange lenta, invisibile e continua, un mondo di ulivi che danno un olio trasparente, uguale… e ciascuno è lieto di darlo in una rassegnazione d’oro”: con queste parole lo scrittore e giornalista Umberto Fracchia descriveva Bargone, frazione collinare casarzese che divenne la sua seconda casa.
    Vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, trascorse la sua vita tra la Toscana e Roma dove compì gli studi fino all’Università, e Bargone dove era solito trascorrere le vacanze estive presso la nonna materna. Proprio fra queste colline il piccolo Umberto manifestò il proprio talento: a 10 anni scrisse e disegnò un giornalino settimanale dedicato alla nonna, intitolato “La Colomba”. Appena ventenne iniziò a scrivere per “La Tribuna” e “Il Resto del Carlino”, dedicandosi inoltre alla traduzione, in particolare dal francese e occupandosi di cinema, come direttore artistico, soggettista e regista di commedie molto note, come “La volete sapere la novità”. Nel 1921, pubblicò il primo romanzo “Il perduto amore”, cui seguì due anni dopo “Angela”, importanti punti di riferimento della letteratura italiana. Nel 1925, insieme alla moglie, Bruna Luciani, e ad alcuni volontari pubblicò il primo numero della rivista “Fiera Letteraria”, che si proponeva di “raccogliere il fiore dell’Umanesimo e di tutti gli intelletti che lo coltivano degnamente”.
    Non aveva ancora quarant’anni, quando lasciò molti dei suoi impegni per trasferirsi a Bargone e “tornar campagnolo” come diceva egli stesso. Iniziò a scrivere per il Corriere della Sera e a pubblicare articoli sul paesino casarzese. Nell’ultimo scritto, “La Campana malata” è riportata la più bella descrizione del paesello: “Beato paese, dove silenzio e solitudine sono sempre a portata di mano! Prendo un viottolo attraverso i campi, e mi perdo nell’ombra”. Un finale molto malinconico che sembra preludere all’improvvisa morte dello scrittore, avvenuta il 5 dicembre 1930 a Roma, durante una trasferta per seguire le vicende della “Fiera Letteraria”.
    Nella memoria della frazione casarzese il ricordo di Fracchia è rimasto vivo ed indelebile. Qui, nell’unico paese al mondo che egli ‘sarebbe stato in grado di vedere anche se fosse diventato cieco’, oltre all’abitazione dello scrittore- attualmente sede del Consorzio dell’acquedotto- si trova anche il mausoleo che ne ospita la tomba: una costruzione imponente, fatta costruire dalla vedova nel luogo che egli stesso aveva indicato nei campi di sua proprietà, su disegno dell’architetto Enrico Del Debbio. Qui, nel corso di una solenne cerimonia, il 17 maggio 1959 venne trasferita la salma.
    Oggi ad oltre cinquant’anni di distanza dal ritorno, questa volta definitivo, di Fracchia a Bargone, la sua “casa” sembra abbandonata e presenta numerose infiltrazioni di umido. Nel 2008 l’amministrazione comunale nell’ambito di una politica di valorizzazione storica della frazione, inserì a bilancio una piccola somma per lavori di recupero. Nonostante la buona volontà e l’impegno dell’allora Assessore al Turismo e alla Cultura, Oliviero Pezzi, che mise in atto alcuni piccoli interventi con i mezzi a disposizione, il progetto venne accantonato.
    A distanza di due anni, l’attuale sindaco, Claudio Muzio, torna sulla questione: “Abbiamo avuto colloqui con la Provincia e la Regione presentando il progetto preliminare dell’intervento, da attuare a stralci e chiedendo lo stanziamento di fondi”. Il progetto ammonta a 28 mila euro e potrebbe consentire l’esecuzione di lavori volti a restituire dignità e decoro all’edificio, per inserirlo in un eventuale percorso di turismo culturale e, perché no, sentieristico. Purtroppo, nonostante i buoni propositi, l’Amministrazione sembra aver fatto i conti senza l’oste: infatti il mausoleo e il terreno sul quale è costruito, pur facendo parte del lascito Fracchia, non sono stati dati al Comune che quindi non può in alcun modo intervenire. Nemmeno tagliare l’erba, ormai talmente alta da impedire l’avvicinamento all’edificio. L’unica speranza per poter mettere mano ad una situazione di degrado che ormai si protrae da anni è la via del federalismo demaniale con il quale il lascito Fracchia potrebbe diventare comunale. E se la burocrazia non agisce in base al legame affettivo con il territorio e al valore storico dei beni in proprio possesso, tanto vale dirla con le parole di uno dei diari dello scrittore: “L’uomo che ha sempre vissuto in città cosa sa della Terra?E’ come uno che, vivendo in un’isola, non sappia neppure nuotare”.


     


    I commenti dei lettori
    Lucio Marzio Mazola:

    Al proposito della "tomba" di Fracchia, come del giardino della casa stessa,avevo pubblicato un album due anni fa, sul "gruppo Bargone", commenti, ma nessun riscontro.....e coninuiamo a lasciare tutto nello stato di abbandono...


    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      BUONMESE di Giansandro Rosasco - Terremotati (si nasce)

      Sto giro voglio parlare dei terremotati, non delle povere anime del centro Italia ma dei personaggetti che non perdono occasione per dimostrarsi tali. Da quella del Gr...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...