EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • CERCO LAVORO diplomata, buon uso strum...
    • VARIE salve sono giorgio,m offr...
    • VENDO divano letto in stoffa co...
    • VENDO armadio 4 ante causa tras...
    • VENDO mobile sala con tavolo ro...
    • VENDO vendesi girello per perso...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualita, edizione cartacea

    di Cristina Parente | 03 Settembre 2018 | in categoria/e attualita edizione cartacea

    La Colombia mi ha cambiato la vita: era un ragazzo come tanti, poi ha incontrato persone poverissime ma ricche di fede. E non se ne è più andato.

    La Colombia mi ha cambiato la vita: era un ragazzo come tanti, poi ha incontrato persone poverissime ma ricche di fede. E non se ne è più andato.Yuri Leveratto (a destra) con Amparo Uribe al Centro Social

    Yuri Leveratto di Recco per anni ha lavorato sulle navi da crociera viaggiando in diversi posti del mondo. Uno di questi lo ha portato in Colombia, un posto che lo ha subito affascinato tanto da decidere di passarci un periodo della vita. Dalla Colombia Yuri non è più tornato. Attualmente vive a Bogotá e si mantiene da vivere dando lezioni private di italiano. Scopriamo cosa realmente lo trattiene così lontano dall’Italia.

    Colombia, tra violenza e amore
    Grande quasi quattro volte l'Italia, ha una popolazione di circa cinquanta milioni di abitanti. Le varie etnie si suddividono in colombiani di origine europea che vivono principalmente nella zona andina, afrocolombiani che vivono soprattutto nella costa caraibica e colombiani di origine indigena, stanziati nel sud del Paese. Politicamente la Colombia è una repubblica presidenziale. Il Paese sta lentamente uscendo da un periodo di instabilità interna. E’ stato firmato da poco un accordo con milizie illegali che si sostenevano con il narcotraffico: hanno consegnato le armi ed ora la situazione è migliorata, ma purtroppo vi sono altri gruppi violenti che si finanziano con il traffico di droga e lo sfruttamento illegale di oro e di altri minerali. E' proprio questa situazione di estrema precarietà che riduce molti colombiani in povertà estrema e li vede costretti a cercare altre luoghi dove vivere. In un momento attuale così interessato da fenomeni migratori, è da sottolineare che la Colombia è uno dei territori al mondo con più sfollati. Estreme difficoltà e sofferenza portano i colombiani ad aggrapparsi a Dio, attraverso la fede e l’amore. Ed è stato proprio questo punto ad aver cambiato la vita di Yuri: non sono stati l’interesse turistico, culinario o artistico di luoghi al di là del nostro continente a trattenerlo così lontano dall’italia e dalla sua amata Liguria, bensì l’incontro con la fede.

    “Qui ho rivalutato la fede”
    Se prima era un “credente debole”, come lui si definisce, ora è più vicino al Vangelo, ma soltanto un po’, perché riuscire ad abbracciare la fede come fanno i colombiani e in generale i sud americani, implica un lungo percorso di vita in questi luoghi, dove la spiritualità è insita in loro, proprio perché è l’estrema povertà che li avvicina alla fede. Il cambiamento spirituale è avvenuto gradualmente, in seguito alla frequentazione di persone praticanti, che hanno risvegliato in lui il desiderio di andare a fondo, per scoprire chi fossero i primi cristiani e come vivevano. Dopo essere entrato in contatto con gruppi di credenti cattolici ed evangelici, Yuri si é reso conto che, pur essendovi alcune diversità nella loro tradizione, entrambi si rifanno al Cristianesimo antico, ovvero il periodo storico che va dal 30 d.C. al 325 d.C. Nella loro concezione la morte di Gesù Cristo risulta essere un dignitoso atto salvifico, ecco perché accettano la Grazia che ci è stata donata da Dio come una liberazione.

    Il Centro Social: un raggio di sole nel buio della periferia
    Anche grazie all’incontro con Amparo Uribe, Yuri si è avvicinato ai poveri e ai contadini. Amparo è la responsabile del Centro Social Unidad, un centro di aiuto di Bogotá, che fa parte dell’associazione dei Focolari, gruppo di cattolici fondato da Chiara Lubich. Da trent’anni sono impegnati nel rione La Merced, uno dei più poveri della periferia di Bogotà, e si prestano per sostenere a distanza bambini e ragazzi, aiutare le madri, e offrire servizi utili come il centro sanitario, la biblioteca, i laboratori di danza, teatro e pittura, e una originale "boutique" che offre vestiti a basso costo, utensili domestici, materiale scolastico.

    Attualmente, il Centro mette a disposizione servizi di aiuto scolastico a 35 bambini e adolescenti tra i 6 ei 17 anni. Grazie all'impegno dei giovani della comunità e di volontari come Yuri, è diventato un punto di riferimento per le persone povere del quartiere. I bambini vengono abituati durante il doposcuola all’insegnamento e alla pratica dell’amore, nel senso più universale e nobile del termine. Si insegna ai bimbi ad amare per primi, ascoltando i problemi delle persone vicine per cercare di comprenderle.



    Nostalgia della vita normale?
    Abituato a un tale clima spirituale e sociale, immaginiamo quanto sia difficile per Yuri ritornare nella “normalità” di Recco, dove Yuri ha ritrovato una sorta di pudore e di ritrosia nel parlare di Gesù, addirittura talvolta vissuto quasi come un tabù. Soprattutto manca la forza di condividere con convinzione le proprie idee. Per fare un esempio, un anno fa ha tenuto una conferenza sul Cristianesimo antico alla commenda di Pré a Genova, dove ha invitato amici e conoscenti, ma pochi sono intervenuti. Anche il suo libro sul Prologo del Vangelo di Giovanni, regalato agli amici non ha riscosso molti consensi. Un peccato, secondo il recchelino, in quanto Gesù ha influenzato e continua a influenzare in modo positivo tutta la civiltà occidentale. In Sud America invece il messaggio di amore e di salvezza di Gesù é vivo, attuale. In Bolivia è venuto in contatto con gruppi di evangelici americani che vivono di agricoltura nelle zona amazzonica. Vivono in comunità, sono molto prolifici (ha conosciuto un americano sposato con una donna tedesca che ha ben 14 figli!) e il loro concetto del Vangelo è riuscito a ravvivare quello più sopito di Yuri. Una bella testimonianza di come davvero la vita può cambiare quando e dove meno te lo aspetti.

    INFO: www.afnonlus.org
    Per donazioni: IBAN IT 55 K 03359 01600 100000001060, causale “Donazione per minori progetto Los Chircales, Bogotà”




     


    I commenti dei lettori
    GIOVANNI BATTISTA CASARETO:

    Beh, che dire? Credo che in questa società malata, alla ricerca di cose materiali, di ricchezza ad ogni costo anche calpestando la dignità degli altri. di disumanizzazione e di indifferenza, la storia di Yuri e della comunità di Bogotà, apra davvero il cuore alla speranza. Spesso è proprio dove c'è miseria e povertà, che si trova l'amore di Dio e la solidarietà vera tra le persone. Dovremmo imparare tutti da questa storia e cominciare a rinunciare a qualcosa,a privarci del nostro egoismo, cominciando di nuovo ad essere una comunità solidale e veramente umana.


    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...