EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    cultura, edizione cartacea, storia locale

    09 Giugno 2018 | in categoria/e cultura edizione cartacea storia locale

    #MEMORIALGHILARDUCCI: La storia segreta dei bagni Aurelia

    #MEMORIALGHILARDUCCI: La storia segreta dei bagni Aurelia

    Dei retroscena allo “stile Versilia”, di Tenco che vi componeva canzoni, ma soprattutto dell’incredibile vita di Vera, medaglia al valore, e Mario il suo amore "piovuto dal cielo"

    Tanti di noi “bagnanti” o “indigeni” di Cavi conoscono i Bagni Aurelia e si ricordano bene dei precedenti gestori Carla e Bepi. Carla era figlia di Vera Vassalle e di Mario Robello: alcuni dei più vecchierelli, come me, ricorderanno bene i geniali imprenditori che aprirono all’attività balnearia “moderna” sulla spiaggia di Cavi. Infatti furono loro a portare in Liguria negli anni 50 l’esperienza della Versilia, l’idea del “capannone” della “rotonda sul mare”, fondando dunque i Bagni Aurelia.
    Vera la ricordo coi suoi occhi chiari che ci osservava dietro il bancone del bar con un’aria misteriosa ma mai strabordante. Noi ragazzini temevamo il signor Mario che ci faceva filare e a ben ragione visto che facevamo veramente dei casini… rubavamo bottiglie, cassette di legno per costruire capanni, avevamo anche fondato la città degli Scarabei sulla spiaggia e Mario ci tartassava.
    Alla sera i suoi bagnini dovevano rastrellare il doppio per  eliminare pietre, legni e cartacce dei nostri vulcani o cancellare le piste per le biglie costruivamo trascinando un “didietro”. I Bagni Aurelia erano anche luogo di tornei a calciobalilla o Ping-Pong, dove vinceva sempre il Somalvico, oggi scienziato di punta del mondo della robotica. O le gare di nuoto dove il mitico Filippo detto “za-za” si piazzava sempre tra i primi anche se gli mancava una gamba! Oggi è stilista. La sera c’era la musica e i Bagni Aurelia hanno tenuto a battesimo il grande Luigi Tenco che qui cantava e componeva le sue canzoni.
     
    Vera, una vera eroina
    Era una tosta e cominciamo con la motivazine della Medaglia d’oro al  Valore  Militare:
    «Ventiquattrenne, di eccezionali doti di mente, d’animo e di carattere, all’atto dell’armistizio, incurante di ogni pericolo, attraversava le linee tedesche e si presentava ad un comando alleato per essere impiegata contro il nemico. Seguito un breve corso d’istruzione presso un ufficio informazioni alleato, volontariamente si faceva sbarcare da un Mas italiano, in territorio occupato dai tedeschi. Con altro compagno R. T. portava con sé una radio e carte topografiche, organizzava e faceva funzionare un servizio dì collegamento fra tutti i gruppi di patrioti dislocati nell’appennino toscano, trasmettendo più di 300 messaggi, dando con precisione importanti informazioni di carattere militare. La sua intelligenza e coraggiosa attività rendeva possibile sessantacinque lanci da aerei a patrioti. Sorpresa dalle SS. tedesche mentre trasmetteva messaggi radio riusciva a fuggire portando con sé codici e documenti segreti e riprendeva la coraggiosa azione clandestina. Pochi giorni prima dell’arrivo degli alleati passava nuovamente le linee tedesche portando preziose notizie sul nemico e sui campi minati. Animata da elevati sentimenti, dimostrava in ogni circostanza spiccato sprezzo del pericolo. Degna rappresentante delle nobili virtù delle donne italiane.» Tutto questo nonostante in tenera età fu colpita dalla poliomelite e restò claudicante.



    La missione “Radio rosa”

    Nel 1943 Vera decise di prendere parte alla Resistenza nel gruppo di cui faceva parte il cognato Manfredo Bertini, stanziato in Versiliai. Si rendeva necessario stabilire un contatto con gli Alleati e il piano fu di inviare un emissario: Vera fu prescelta per questa operazione e inviata presso un Comando alleato a Montella Irpinia da dove, di lì a breve, sarebbe salita al comando della missione "Radio Rosa". Parte servendosi di qualche raro treno, di una bicicletta e anche se claudicante percorre lunghi tratti a piedi. Impiega due settimane, attraversando pericolosamente le linee nemiche. Digiuna di tutto, venne addestrata presso l'Office of Strategic Service (OSS) dell'Esercito Americano di Napoli, poi trasferita a Capri, Pozzuoli, Taranto, Palermo ed infine, a bordo di un aereo degli alleati a Bastia in Corsica da dove riuscirà a tornare in Toscana a bordo di una motosilurante dell'Esercito Inglese in qualità di Agente del 2677° Reggimento dell'OSS. A Gennaio raggiunge a piedi Viareggio portando con sé una radiovaligia così piccola che poteva essere facilmente collocata all'interno di una valigia di cartone per bambini, in modo da eludere le perquisizioni. Con quella doveva creare contatti radio clandestini per coordinare le azioni degli alleati con quelle dei partigiani; ma il radiotelegrafista aveva perduto i piani di trasmissione, così si vide costretta a ripartire alla volta di Milano dove riuscì ad ottenere nuovi piani e l'invio di un radiotelegrafista fidato. Ed ecco apparire sulla scena Mario.

    L’incontro con Mario, un amore “piovuto dal cielo”
    Fu cosi che nel Marzo ‘44, Mario Robello detto "Santa", ex Radiotelegrafista della Marina Militare, venne paracadutato sull'Appennino per dare inizio alla missione "Radio Rosa". Vera riuscì così a trasmettere trecento messaggi e ottenere sessantacinque lanci di armi e munizioni. Ma l’iniziativa non passò inosservata ai Fascisti e il 2 Luglio ci fu l'irruzione dei soldati Tedeschi. Vera riuscì a fuggire portando con sé tutti i documenti. Ricercata dai nazisti, dopo mille peripezie volle tornare operativa in Liguria, nella zona di Cavi . A fine guerra, finalmente, Mario e Vera  si unirono in matrimonio, lei si mise ad insegnare alle scuole elementari di Cavi, mentre Mario cominciò l’avventura dei Bagni Aurelia. Il Comune di Lavagna le ha dedicato la scuola, ma non ha mai fatto tanto per ricordarla. D’altra parte, ha ben altro a cui pensare...  

    Per approfondire: “Il Clandestino” di Mario Tobino,  “Missioni Rosa-Balilla” di Liborio Guccione Gabriele Pardini, “Vera e la radio” Radio Rivista edizioni ARI

    Testimonianza di Manfredi Vinassa de Regny

    Tratto da CORFOLE! del 6/2018, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Guido:

    Frequentati da bambino, pur essendo di Roma,Cavi ed i Bagni Aurelia dai primi anni 50 e fino al 58. Ricordo con affetto Vera e Mario, ma non ho mai saputo di avere vicino delle persone che hanno contribuito a tutti noi di vivere in una Italia libera. Esprimo ora tutto il mio ringraziamento a Vera e Mario per il loro eroismo.


    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...