EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Elegante ricetta autunnale: lo stinco all'uva e mele

    Ecco una ricetta da vero chef, ma a portata di tutti!Per 4 persone prendete 2 stinchi di maiale o vitello, circa 300 gr di uva mista, 1 cucchiaio di miele, erbe aromatiche, 100 gr di burro, 1 cucc...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualita, edizione cartacea, storia locale

    di Simone Parma | 06 Settembre 2016 | in categoria/e attualita edizione cartacea storia locale

    La guerra dei bambini che restano: "Mio padre fu ucciso alla Squazza. Per noi era solo l'inizio di un incubo tra collegi e conventi" - La testimonianza di Anna fa riflettere su chi oggi si trova nella stessa situazione

    La guerra dei bambini che restano: "Mio padre fu ucciso alla Squazza. Per noi era solo l'inizio di un incubo tra collegi e conventi" - La testimonianza di Anna fa riflettere su chi oggi si trova nella stessa situazioneLa foto del bambino di Aleppo, simbolo dell'attuale guerra in Siria sembra in contrasto con quella “così ordinata” di Anna. Ma è solo apparenza: l'orrore che hanno vissuto purtroppo è lo stesso. E si ripete a ogni guerra per tutti i bambini, vittime estreme che ne porteranno addosso le conseguenze per tutta la vita.

    Il 15/02/1945 furono fucilati dieci partigiani alla Squazza: per i famigliari era solo l’inizio di un calvario tra sfollamenti, collegi, conventi e privazioni

    Accendiamo la tv, sfogliamo i giornali, navighiamo in internet e, che lo vogliamo o no, ovunque vediamo immagini agghiaccianti. Talmente tante che forse non ci fanno più effetto. Ed è questo il pericolo maggiore. Perché ci fa dimenticare che tocca ai civili pagare le più alte conseguenze. Come l’orrore vissuto a soli cinque anni da Omran, il bambino fotografato nell’ambulanza dopo una bomba ad Aleppo, simbolo della tragedia che si sta vivendo ora, adesso, in Siria. E allora vale la pena ricordare che è stato così anche per molti abitanti delle nostre zone durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale: ricordare quella sofferenza così vicina a noi, per capire meglio quella che stanno vivendo altri e che non verrà raccontata nei libri di storia. Come nel caso di Anna, che ci ha voluto raccontare la sua testimonianza.


    Mio padre, che per vendicare l’eccidio di Stazzema fu ucciso in quello della Squazza
    Armando Berretti era un Carabiniere, nato a Sant'Anna di Stazzema (Lucca). Aveva due figlie (ed una terza in arrivo) e abitava a Statale di Ne. Dopo il terribile eccidio nazifascista nel suo paese di origine decise di partecipare all'opposizione, divenendo parte della Polizia Partigiana. La sua storia terminò il 15 febbraio 1945, per un altro eccidio: quello della Squazza nel comune di Borzonasca, dove fu trasportato dal Carcere di Chiavari e fucilato insieme ad altri 10 partigiani. In quel momento finivano le loro vite e iniziavano nuove tragedie: quelle di chi resta.

    Dormire su una granata
    "Già prima di quel giorno la guerra ci aveva messo alla prova - racconta Anna - Nell'autunno del 1944 si erano presentate alla porta tre persone, ricordo ancora la loro divisa color cachi. Avevano appiccato il fuoco alla nostra casa, mentre mio nonno e mia mamma cercavano di salvare il possibile. Eravamo senza un tetto e l'unico ricovero che riuscimmo a trovare fu una grotta utilizzata come riparo per le foglie che sarebbero servite per le stalle delle mucche. Tutti insieme cercammo di dormire nel miglior modo possibile. La mattina, il nonno, infastidito da qualcosa di spigoloso sotto la sua schiena, spostò le foglie e si rese conto che aveva dormito su una bomba a mano!".

    L'inizio della nostra storia
    "Ricordo ancora com'era la nostra vita a Statale. Dove ora c'è un ristorante a quell'epoca si trovava già una grande cucina e quando avevamo la tosse andavamo lì. Per curarci  mettevano un po' d'acqua a bollire e ce la facevano sorseggiare. Ancora porto una cicatrice di quella stufa. Dalle sue missioni papà ci portava sempre qualcosa: ricordo con particolare affetto la pelliccia (V. foto) che proveniva dalla Dalmazia. All’epoca ci dissero che era di tigre!”, ci confessa sorridendo.
    Poi un giorno cambia tutto: "Quando arrivarono a prendere nostro padre, lui mi fece segno di restare in silenzio. Volevano portare via anche il nonno, ma li implorò di poter restare ad aiutare la famiglia e ci riuscì. Qualche tempo dopo arrivò la notizia della fucilazione di nostro padre e ricordo ancora adesso le parole del Podestà di Chiavari, il noto Vito Spiotta, che prima dell’eccidio esclamava, riferendosi a mio padre: "Berretti se ti prendo ti ammazzo!". Aveva tenuto fede alle sue minacce. Ci vollero quattro giorni e l'intervento del curato di Temossi perché venissero sepolti".


    Il collegio di Lavagna doveva essere la salvezza, invece...
    "Per noi nulla fu più come prima. Nel frattempo era nata la mia seconda sorella e ci trasferimmo come sfollati di guerra a Lavagna, in una villa in collina. Eravamo diventate però troppo ingombranti per quella famiglia senza una fonte di reddito, con una mamma di ventitre anni e tre figlie, così fummo spedite in collegio, alla Divina Provvidenza di Lavagna. Fu un esperienza terribile. Ogni mattina la sveglia era alle 5 e c'erano punizioni per le bambine che non riuscivano a trattenere i bisogni o non rispettavano i momenti di silenzio. Punizioni così severe da ricordarci il tempo di guerra. Dovevamo assistere a cerimonie funebri, raccogliere la pietra pomice e pulire le scale finché non tornavano a brillare. Un metodo educativo che ancora adesso mi lascia sgomenta".

    Il trasferimento a Camogli
    La nostra intervista viene interrotta da qualche lacrima e riprende, con un filo di rabbia in più tra le parole di Anna: "Su consiglio di alcune suore fummo trasferite in Convento a Camogli, ma anche qui l'assenza della nostra famiglia si fece sentire. Mia sorella più piccola non riusciva a trattenere i bisogni e così le suore organizzarono diversi scherzi, con maschere orripilanti e con la complicità di altre ragazzine, per farla smettere. Ancora ricordo quella maschera rossa con due corna spuntare da sotto il letto. Quando uscimmo dal collegio frequentavamo la Seconda Media, ma tutto per noi era cambiato. Non proseguii gli studi e decisi di lavorare per mantenermi, anche perché mia mamma aveva un nuovo compagno, che non ci lasciava grande libertà. Così prima feci la cameriera stagionale, poi lavorai in una fabbrica di cioccolato che non esiste più."

    Un annuncio di lavoro cambia tutto
    Insoddisfatta e ancora segnata dall'esperienza nei collegi, Anna decide di pubblicare un annuncio e viene contattata da una famiglia del ponente ligure che sta cercando un’assistente domestica. Qui il fortunato incontro con quello che sarà l'uomo della sua vita. Il passato però non si può cancellare: "Il motivo per cui ho scelto di condividere questa storia è che non si possono mai trascurare le conseguenze della stupidità umana che vengono pagate da chi resta, anche se sui libri di storia non se ne troverà traccia".

    HAI UNA STORIA DA RACCONTARE?
    Con il Memorial in onore di Eugenio, nostro collaboratore e storico, portiamo avanti il suo lavoro, per far sì che la storia locale non vada persa. Se siete cresciuti coi racconti di guerra dei nonni o li avete vissuti di persona, se siete a conoscenza di fatti, storie curiose o della tradizione ma anche vicende recenti, scrivete a redazione@corfole.com oppure contattateci allo 0185.938009. Oltre alla pubblicazione, avrete un libro di Ghilarducci. La scrittura non è il vostro forte? Vi manderemo un nostro giornalista. 


     


    I commenti dei lettori
    Spirito libero:

    Anch'io sono stata nel collegio di Lavagna, dal 1980 al 1988, c erano bambini trattati meglio e altri, come me, trattati male...lucidare in ginocchio i pavimenti prima di andare a scuola, stare sempre in silenzio, sbucciare patate lesse appena scolate che sembravano palle di fuoco...
    Mio padre continuava a farmi visita ogni sera, e verso i 10 anni inizio' a menarmi ad ogni visita, io piangevo e urlavo, ma le suore non gliel hanno mai impedito e mai mi hanno consolata.
    Nessuno controllava dall esterno cio' che succedeva li dentro...
    Oggi nonostante tutto, sono abbastanza forte, penso positivo e cerco sempre di sorridere, alla faccia di tutti loro.


    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      BUONMESE di Giansandro Rosasco - Terremotati (si nasce)

      Sto giro voglio parlare dei terremotati, non delle povere anime del centro Italia ma dei personaggetti che non perdono occasione per dimostrarsi tali. Da quella del Gr...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...