EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO portatile hp elite book....
    • VENDO vendo macchina da cucire ...
    • VENDO piatti decorativi vari fi...
    • VENDO piccola confezione(quattr...
    • VENDO vendo letto motorizzato t...
    • VENDO causa trasloco, vendo mob...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualità

    01 Aprile 2010 | in categoria/e attualita

    NEBBIA SALINA E SPLINDEPARI': DUE BAND, UN SOLO CHITARRISTA. CONOSCIAMOLI

    NEBBIA SALINA E SPLINDEPARI': DUE BAND, UN SOLO CHITARRISTA. CONOSCIAMOLI

    CI sono numerosi gruppi musicali in tutta la Riviera, così come i singoli cantanti, cantautori e musicisti, ma solo pochi riescono a “sfondare”. Merito del talento o di qualche buona parola, chi lo sa. Indubbiamente la musica nel sangue difficilmente si riesce a trattenere, prima o poi si farà sentire, a costo di far diventare questa arte un mero hobby. C’è anche chi riesce a suonare in due gruppi musicali. Parliamo di Giovanni Vandanesi (foto1), chitarrista sia dei Nebbia Salina sia dei Splindparì.
    I Nebbia Salina (foto2) sono un gruppo tigullino nato nell’autunno del 2008 da un’idea di quattro colleghi di lavoro accomunati dalla passione della musica: Alberto Mel (voce), Antonio Sanguineti (basso), Giovanni Vandanesi (chitarra), Enrico Rovatti (batteria), Piero Venuto (chitarra). L’età media è di 30 anni circa. Tranne Enrico che è di Genova, risiedono tutti nel Levante ligure, precisamente tra Sestri e Carasco. Iniziano quasi per gioco, provando a suonare insieme senza un vero e proprio traguardo. In seguito entrerà a far parte del gruppo, dietro loro invito, anche una quarta persona, Enrico, di altra attività lavorativa. Il Centro Benedetto Acquarone di Chiavari diventa il loro locale per provare. Da subito si instaura un ottimo rapporto, sia umano che musicale tra i componenti, tanto da ufficializzare la nascita della loro band. Di formazione musicale varia, dal rock, all’hard rock, al blues e fino al pop, mescolano le loro esperienze in cover che riadattano alle loro caratteristiche, dando vita a un rock piuttosto movimentato.
    Com’è maturato il nome ‘Nebbia Salina’?
    “E’ stato un “parto” difficile, dopo un lungo e travagliato percorso di idee abbiamo scelto questo nome che deriva da alcuni test di laboratorio del lavoro in comune.”
    Giovanni, c’è un motivo particolare per suonare in due band?
    “Uno, la passione per la musica. Suonare in due band è impegnativo, ma non faticoso, poiché la passione ti porta a fare cose inverosimili, sia nella vita che nella musica.”
    Gli Splindeparì (foto3) invece si sono formati a Rapallo nel 1998 dall’estinto gruppo rivierasco degli Intingado. La loro è una musicalità rock progressive ricca di cross-over e variazioni di melodia. Cinque gli elementi: Daniele Rezzoagli (voce), Marco Pendola (chitarra), Matteo Gardella (basso), Stefano Riggio (tastiera), tutti rapallesi, tranne un secondo chitarrista, il già citato Giovanni Vandanesi, di Sestri Levante.
    Dal 2001, data di uscita del loro primo album, “Sinfonie di versi maledetti”, è una continua ascesa a fianco di nomi importanti quali Umberto Maggi ex bassista dei Nomadi e produttore a livello nazionale (nel suo Umbi Studio hanno registrato Vasco Rossi, Stadio, Daniele Silvestri, Alexia, PFM, Elio e le Storie Tese).
    Lo stesso Maggi presenta il loro brano “Cristalli” durante l’edizione 2003 del Festival della canzone italiana svoltosi a Sanremo, su un palco distante poche centinaia di metri dal Teatro Ariston, dove unici rappresentanti della Liguria sono proprio gli Splindeparì. A settembre 2005 compaiono insieme ai Vernice e Le Orme nella compilation Top Premiere vol. 9/10. E 9 nuovi brani più una cover sono stati registrati nella prima metà del 2009 al Tsunami Studio’s di Rapallo sotto la supervisione di Pier Gonella dei Labyrinth, (oggi fondatore dei Mastercastle). Nel frattempo la band ha partecipato alle selezioni di Rock Targato Italia superando con successo la prima parte. Nel 2009 è stata invitata a suonare ai Festival musicali Rock on the river e Balla coi cinghiali.
    Gli album del 2000 (“Spleen de Paris) e 2001 restano i più significativi e in sintonia col nome del gruppo. Si tratta di testi di impronta giovanile, versi intrisi di rabbia e disillusione, talvolta macabri, talvolta sentimentali, non a caso il nome del gruppo rimanda al poemetto “Spleen de Paris” di Baudelaire, celebre poeta francese, portavoce del simbolismo e dei poeti “maledetti”. Ne sono testimonianza i versi iniziali di “Spleen”: “Alchimia perduta di un’anima in pena/ pietà perversa/ cervello impazzito/ lo spleen/ dall’inferno ha puntato il suo dito […].
    Facendo un resoconto di oltre dieci anni di carriera vi ritenete soddisfatti?
    risponde Stefano Riggio, tastierista: “Faccio parte del gruppo da circa otto anni e
    sinceramente posso dire che con gli Splin ho avuto la possibilità di crescere
    molto come musicista. Arrivavo da un paio di gruppi in cui si suonava prevalentemente per passatempo, di conseguenza si suonava poco e in posti che non offrivano molta visibilità. Con gli
    Splindeparì è cambiato tutto: il livello musicale nettamente più alto rispetto al
    rockettino che si può suonare in una band adolescenziale, i testi dei brani, che sono delle vere e proprie poesie, e poi i contesti in cui ci si esibisce dal vivo, decisamente più soddisfacenti. Il resoconto personale di questi otto anni è tutto sommato buono,
    certo sarei stato ancora più soddisfatto se avessimo firmato un contratto discografico, ma per il momento non demordiamo.”
    Progetti in vista?
    Stefano: “Abbiamo da poco finito di registrare il master del nuovo
    album e ora ne stiamo curando la grafica. Poi ci proporremo a etichette discografiche che producono generi
    musicali attinenti al nostro. Oltre questo,
    ovviamente, suonare a più non posso in giro per il Nord Italia.”
    Non si vive di sola arte, a patto di diventare famosi. Ma quanto conta l’ambiente in cui si vive per avverare il sogno tanto ambito? La difficoltà di farsi conoscere in una terra di musicisti, ma anche di “mugugni”, è evidente, soprattutto si nota una differenza di mentalità tra i locali del levante e quelli genovesi. Chiediamolo direttamente a entrambi i gruppi.
    Quali sono nel Levante le difficoltà incontrate per suonare dal vivo?
    Antonio Sanguineti - Nebbia Salina: “Purtroppo la situazione e l’opinione dei locali del Levante, rispetto agli eventi musicali di questo tipo, non permette di avere le possibilità di mettersi in mostra. Gli eventi sono rari e di solito si preferisce privilegiare Band già conosciute, con alle spalle un certo bagaglio tecnico.”
    Giovanni Vandanesi - Nebbia Salina e Splindeparì: “E’ ancora difficile avere spazio e continuità da parte dei locali, i quali offrono un appuntamento settimanale, prediligendo i gruppi tributo, che attirano piùpersone perché propongono pezzi cover. Mancano gli ambienti adatti, insonorizzati, e la chiusura anticipata dei locali non facilita, pertanto preferiamo talvolta orientarci verso Genova che offre sicuramente di più”.
    Stefano Riggio –Splindeparì: “Nel Tigullio purtroppo negli ultimi anni la situazione è peggiorata, i locali che propongono serate dal vivo sono in diminuzione. In parte perché forse si è persa la cultura di ascoltare della buona musica dal vivo, in parte per questioni burocratiche. Se parliamo di Genova e della provincia in generale, esistono migliori possibilità di esibirsi on live.”
    Avete mai pensato di fare una tournée in giro per l’Italia?”
    Stefano Riggio: “Ne abbiamo parlato ma mai in modo serio. Uno dei motivi è il lavoro, che non possiamo abbandonare, e dovremmo far combaciare le ferie di tutti per
    poter suonare un mese in giro per l’Italia. Altro motivo, anche se facilmente superabile, è la mancanza di contatti dei
    locali dove proporre la nostra musica. Terzo problema, da non sottovalutare, è una questione di rapporto costi/ricavi. Il desiderio di fare un tour ci sarebbe ma dovremmo anche trovare degli sponsor e degli organizzatori. Mai dire mai.”
    Cristina Parente
    Commenta, vota e inoltra


     


    I commenti dei lettori
    LA REDAZIONE:

    ERRATA CORRIGE: Marco Pendola è il batterista noncé arrangiatore dei pezzi scritti da Daniele Rezzoagli


    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...