EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • REGALO regalasi pietre per riemp...
    • VENDO vendesi cassapanca legno ...
    • VENDO vendo cameretta a ponte u...
    • VENDO vendo orologio longines u...
    • VARIE acquisto oggetti in argen...
    • VENDO vendo pelliccia visone fe...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    CONIGLIO FARCITO CON ROSE E CALENDULE

    Ingredienti: 1 coniglio disossato, 100 g di salsiccia fresca, il fegato del coniglio o 50 g fegatelli di pollo, 1 spicchio d'aglio, 30 g di funghi secchi rinvenuti, basilico, mezza cipolla, una gratta...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualita, cucina, diritto, ecologia, edizione cartacea, il tappiro

    di Giansandro Rosasco | 09 Luglio 2013 | in categoria/e attualita cucina diritto ecologia edizione cartacea il tappiro

    Funghi: I ‘furbetti' del tesserino. Regole non chiare e multe non dovute ma puoi difenderti con un ricorso gratuito al Giudice di Pace

    Funghi: I ‘furbetti' del tesserino. Regole non chiare e multe non dovute ma puoi difenderti con un ricorso gratuito al Giudice di Pace

    La vicenda interessa un po' tutti: chi non ha almeno un parente o un amico fungaiolo che si trova a doversi alambiccare nei meandri dei tesserini? Magari qualcuno sarà anche stato sanzionato e per togliersi di lì avrà pure pagato senza sapere che, molto probabilmente con un semplice ricorso al Giudice di Pace, l'importo non era affatto dovuto. Ma facciamo un passo indietro. Sono passati quasi quattro mesi da quando Stefano Roberto che svolge regolare, puntuale e corretto servizio presso un locale Consorzio (nella fattispecie è Guardia Particolare Giurata Micologica con regolare giuramento presso la Prefettura di Genova), ha interpellato con lettera raccomandata la Regione Liguria senza però ricevere nessuna risposta in merito a diverse anomalie sul tema. "In particolare - riferisce Roberto - l'art.7 co. 1 lett. c, peraltro conforme all'art.7 della legge 23 agosto 1993, n.352 statuisce che le comunità montane e i consorzi di comuni per l'esercizio delle deleghe in agricoltura (omissis) possono disporre, per motivi di salvaguardia dell'ecosistema, limitazioni temporali alla raccolta dei funghi solo per periodi definiti e consecutivi".
    E qui si vedono i regolamenti dei Consorzi che cominciano a traballare. Il Consorzio Alta Valle Sturla stabilisce che la raccolta funghi è vietata nelle giornate di martedì, giovedì e venerdì ai non soci, quello del Consorzio Monte Aiona vede il divieto ai non soci il martedì, giovedì e venerdì; quello delle foreste demaniali lunedì e venerdì per i non residenti, il Comune di Nè lunedì, mercoledì e venerdì, il Consorzio per la disciplina e regolamentazione della raccolta funghi e frutti silvestri il martedì e venerdì, il Comune di Neirone, dulcis in fundo, vieta il mercoledì e l'unica mosca bianca pare essere al momento l'Orama in Val d'Aveto che non ha giorni di chiusura. Roberto continua "ritengo che detti regolamenti conducano all'inclusione nella condotta sanzionatoria anche comportamenti da ritenersi pienamente leciti". Pertanto essendo lui (e non solo lui) titolare del controllo e incaricato di sanzionare i comportamenti che contravvengono a detti regolamenti, ha il fondato timore di poter incorrere egli stesso in comportamenti sanzionabili e non si capisce perchè nel Ponente abbiano risolto il problema e qui a Levante no. Legato a questo aspetto vi è anche un fattore economico: chi paga la tessera per un periodo di tempo limitato incappa necessariamente in giorni in cui non può raccogliere funghi e a rimetterci è il solito Pantalone o meglio il fungaiolo che ha pagato diligentemente la tessera senza poterne usufruire completamente. Il terzo "problema" dei Consorzi riguarda la distinzione tra soggetti residenti e non residenti, soci e non soci: "siamo sicuri che sia tutto regolare?" è la domanda senza risposta di Roberto. E non parliamo poi del dedalo delle tariffe: ognuno ha le proprie e ci sono casi come il Monte Ramaceto dove si intrecciano ben tre Consorzi. Per risolvere la situazione basterebbe copiare il vicino Piemonte dove con 60€ annuali (tranne i periodi limitati ben definiti per la salvaguardia dell'ecosistema) si risolve tutto. I denari potrebbero venir sempre erogati in parte per il reinvestimento nella salvaguardia del bosco e in parte per le strutture e le spese di vigilanza ma in piena trasparenza e senza far impazzire i cittadini e di fatto trasgredendo la legge. Anche coloro che vendono tesserini vedrebbero maggiori introiti perchè a quel punto chiunque desiderasse andare a funghi sarebbe costretto a pagare la tessera di "competenza regionale", mentre invece, stante la legge attuale, se un fungaiolo venisse beccato senza tesserino basterebbe un semplice e praticamente gratuito (senza spese di avvocato) ricorso a un qualsiasi Giudice di Pace spiegando che i funghi sono stati presi in zone in cui i Consorzi non hanno "potere": esistono infatti migliaia di acri, ad esempio quelli dei migranti dove non vige nessuna legge se non quella regionale/nazionale e nessuno è tenuto a pagare alcunchè pur se magari nei pressi vi è un terreno consorziato, ma a quel punto chi può dire dove sono stai raccolti i funghi?.
    Lasciamo adeguato spazio sui prossimi numeri a chiunque volesse controbattere ma visti anche i precedenti (vedi articolo sul numero 90 novembre 2007) e le  conseguenti pretestuose pretese risarcitorie paventate nei confronti del nostro giornale da parte di un particolare Consorzio siamo certi che la miglior ipotesi per coloro che ricevono una multa (sempre rispettando il buon senso, il bosco e le ordinanze delle leggi come quella sulla quantità dei miceti raccolti) sia il ricorso in massa dal Giudice di Pace per far sì che una volta per tutte questa storia poco chiara dei tesserini possa venir adeguatamente regolamentata con buona pace di tutti.


    Tratto da CORFOLE! del 7/2013, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Roberto:

    Io ho già da anni fatto una battaglia in favore del tesserino unico regionale, o per lo meno provinciale (oggi sarebbe dell'area metropolitana). Ho scritto petizioni all'assessore del territorio della giunta Burlando e, più recentemente all'assessore Giampedrone della giunta Toti. Non ho mai ricevuto nessuna risposta. Per cui mi sono fatto l'idea che il problema sia come al solito politico, della paura di perdere i voti che alcuni consorzi e comunità garantiscono a patto che si lasci loro libera facoltà di imporre tributi e balzelli anche non dovuti... Sic est dicevano i latini. Cambiano i professori d'orchestra ma la musica è sempre la stessa.
    In ogni caso avete il mio (e non solo mio, perché avevo persino indetto una raccolta di firme, ottenendone oltre 200 e senza fare particolare pubblicità) totale appoggio per questa iniziativa


    piero:

    E' una situazione veramente imbarazzante e che anche le persone oneste che pagano il tesserino ad un consorzio subiscono per sconfinamento, diversità' dei giorni di raccolta. Francamente non si possono pagare 3 tesserini al giorno per poter essere tranquilli di non incorrere in sanzioni. Forse meglio non andare più, ci stanno togliendo anche le nostre passioni per qualche migliaio di euro di multe. Per chiarezza stessa situazione di Daniela a consorzi invertiti con il problema dei giorni diversi. Cosa dovrei fare ?


    Daniela:

    ieri sono andata a funghi con alcuni amici in un posto nuovo. Abbiamo sbagliato a fare il tesserino (alta valle sturla al posto di rezzoaglio). Al nostro rientro alla macchina abbiamo trovato due guardie baldanzose pronte a farci la multa come se non avessimo fatto alcun biglietto...... ora ho in mano un bel verbale, secondo voi cosa dovrei farci?


    Fungaiolo della Domenica:

    Giusto, la legge deve essere uguale per tutti e se una legge regionale consente di disporre dei divieti per salvaguardare l'ecosistema, non vedo perche' debbano rispettare la natura solo i fungaioli "della domenica" e non i privilegiati soci o residenti, liberi di sfruttare il bosco quando e quanto vogliono.
    Quindi e' accettabile il pagamento di in tesserino ma non lo e' una discriminazione sui giorni in cui deve essere lasciato "riposare" l'ecosistema,


    Fungaiolo della Domenica:

    Giusto, la legge deve essere uguale per tutti e se una legge regionale consente di disporre dei divieti per salvaguardare l'ecosistema, non vedo perche' debbano rispettare la natura solo i fungaioli "della domenica" e non i privilegiati soci o residenti, liberi di sfruttare il bosco quando e quanto vogliono.
    Quindi e' accettabile il pagamento di in tesserino ma non lo e' una discriminazione sui giorni in cui deve essere lasciato "riposare" l'ecosistema,


    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      BUONMESE di Giansandro Rosasco - Terremotati (si nasce)

      Sto giro voglio parlare dei terremotati, non delle povere anime del centro Italia ma dei personaggetti che non perdono occasione per dimostrarsi tali. Da quella del Gr...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...