EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualità

    23 Marzo 2011 | in categoria/e attualita

    Venerdì 25, Chiavari: conferenza del prof. Giovanni G. Chiesura dal titolo "L'etica del dovere e la missione nella biografia e nell'epistolario mazziniano"

    Venerdì 25, Chiavari: conferenza del prof. Giovanni G. Chiesura dal titolo "L'etica del dovere e la missione nella biografia e nell'epistolario mazziniano"

    RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
     

    Mazzini, l’apostolo dell’Italia moderna, ha trovato, nella nascita e nella proclamazione della Repubblica italiana (18 giugno 1946), nonché nelle successive fasi dell’Assemblea costituente (25 giugno 1946-31 gennaio 1948), la piena realizzazione delle sue aspirazioni, considerate ancor oggi, da taluni, contraddittorie e utopistiche. Questi eventi fondativi rappresentano, invece, a nostro avviso, il vero compimento, in senso mazziniano, dello Stato unitario italiano. Per Giuseppe Mazzini (Genova, 22 giugno 1805-Pisa, 10 marzo 1872), sorgente ed essenza della Nazione e della Patria è il Popolo, che, per essere tale, deve poter esprimere una volontà comune, una ferma unità d’intenti. L’essere umano che, insieme a Dio, nel Popolo si incarna, adempie alla sua Missione, al suo dovere, al servizio della Patria e dell’Umanità, nella Storia. Nell’educazione, e non nell’istruzione, risiede la forza del progresso e della vita sociale. In una sua celebre opera, dedicata agli operai italiani, Dei doveri dell’uomo, così, infatti, scrive: “Dio v’ha fatti sociali e progressivi. Voi dunque avete d’associarvi e di progredire…”. E conclude, poi, in questo modo: “Senza un governo popolare, che da Roma scriva e svolga il Patto Italiano, fondato sul consenso e rivolto al progresso di tutti i cittadini dello Stato, non è per voi speranza di meglio.”

    Venerdì 25 marzo 2011 alle ore 17.00 Sala Presidenziale della Società Economica di Chiavari ia Ravaschieri 15
    conferenza del prof. Giovanni G. Chiesura dal titolo "L'etica del dovere e la missione nella biografia e nell'epistolario mazziniano"
    La conferenza si inserisce nelle maniferstazioni organizzate dalla Società Economica di Chiavari in occasione delle celebrazioni de 150° anniversario dell'Unità d'Italia.

    Vissuto e politica nell’epistolario mazziniano -

    Giuseppe Mazzini, per la peculiare lapidarietà del suo pensiero, per la esemplare singolarità di una vita trascorsa in esilio, è stato raffigurato dalla manualistica storica e scolastica come personaggio ascetico, lontano dalla quotidianità; le lettere indirizzate a parenti ed amici dimostrano il contrario e ci presentano una persona piena di sentimento, ricca di emozioni, sensibile e vivace.

    Figura centrale dell’epistolario è la madre, Maria Drago (Genova, 31 gennaio 1774-9 agosto 1852). A lei egli apre, con sincerità e immenso affetto, il suo cuore, con lei parla di problemi culturali e politici, come a persona di altissima levatura intellettuale e morale, a lei, nei momenti di scoramento o di bisogno, ricorre senza vergogna. In una lettera datata 8 luglio 1851, a proposito di un ritratto effettuato da Emilie Ashurst, rientrata a Londra da una visita a Genova, così scrive: “Vengo ora al vostro ritratto fatto da Emilia. Madre mia, è voi stessa: vi siete viva e m’è sembrato di rivedervi. V’è tutto il buono morale e intellettuale ch’è in voi: e v’è poi anche più che non vorrei, ma che so inevitabile, uno scontento del mondo, un sentimento di biasimo alla gente che pullula oggi sulla terra e che ha bisogno di dieci rivoluzioni per diventar migliore.”

    Col padre, dottor Giacomo (Chiavari, 2 marzo 1767-Genova, 13 dicembre 1848), medico interno presso l’università di Genova, professore di Patologia e Igiene (1823) e di Anatomia e Fisiologia (1830), Pippo (così lo chiamavano in famiglia) ebbe un rapporto meno confidenziale, condizionato dalle aspettative paterne di personale realizzazione economica e professionale, caratterizzato, pertanto, da un atteggiamento di sottomissione rispettosa e affettuosa. A questo proposito ecco cosa scrive all’amico Giuseppe Lamberti, supponiamo dalla Svizzera, il 21 dicembre 1848, dopo la morte del padre: “Lamberti mio, ebbi la tua senza data. Da quando t’ho scritto, ho perduto mio padre. Io non sono come tu dici; credo troppo in una fede religiosa mia per pensare ad atti che io credo egoismo supremo per chi resta e colpa grave per chi parte; ma sento amarissimo il vuoto che mi si fa intorno; e ho un dolore nell’anima, perch’io non ho mai dato gioia a mio padre e l’unica che sarebbe stata compenso supremo per lui sarebbe stata quella di vedere la mia idea, quella che ci ha tenuto divisi, realizzata. Pazienza!”. Questa lettera, inoltre, è molto importante, anche sotto il profilo politico, perché stigmatizza, in merito alla Costituente democratica voluta dal Mazzini, una divergenza netta col progetto di Gioberti, che proponeva una Costituente degli stati italiani esistenti. E sempre, in riferimento al suo disegno politico (vale la pena di citarlo, proprio nel momento solenne delle nostre celebrazioni) e alla progettata Costituente repubblicana, il Mazzini così scrive, il 5 dicembre, al patriota Michele Accursi, a Roma: “Io vivo, voi lo sapete, irrequieto per l’Unità d’Italia messa a pericolo dai guastamestieri, non per la repubblica immancabile, inevitabile, non solamente in Italia, ma in pressoché tutta l’Europa […]. Pio IX è fuggito: la fuga è un’abdicazione: principe elettivo, egli non lascia dietro di sé dinastia […]. Roma è per volontà di Provvidenza, repubblica. La Costituente italiana, quando queste mura l’accoglieranno, confermerà, muterà o amplierà questo fatto.” Abbiamo citato questo passo per mostrare come le lacerazioni affettive e personali si intersechino nel Mazzini, senza mutare il suo fermo progetto politico, anche se, talvolta, è scosso dagli eventi pubblici o privati.

    Un tenero affetto egli nutrì per la sorella minore Francesca, detta Cichina, nata nel 1808 e morta il 18 gennaio 1838. Tanto forte era il legame che li univa, che la madre non ebbe il coraggio di dire a Pippo che Cichina era morta. Solo il 9 febbraio gli parlerà di gravi problemi di salute. Ed ecco, quindi, la lettera da Londra del 16 febbraio 1838, che, nel suo incipit, dice già tutto: “Padre mio, e mia buona madre, so tutto. E perché non avete avuto confidenza nel mio coraggio? Perché non avete voluto ch’io dividessi fin dal giorno funesto il vostro dolore? Io ho diritto di divider tutto con voi. Soli ormai sulla terra, e in un tempo in cui non possiamo che soffrire, soffriamo almeno insieme. Questo dolore doveva pure presto o tardi venirmi: non potevate celarmelo a lungo; e già la mancanza di linee sue, ed altre cose, mi facevano pressentir questo colpo. Ma non sapete voi quanta necessità ho io di piangere tutte le volte che voi piangete?”. Alla sorella Antonietta Massuccone, alla quale era legato da un affetto sentito ma, in parte, ostacolato e controllato dal marito Francesco, uomo religioso, perbenista e conservatore, ferreo oppositore ideologico del cognato, scriverà parole affettuose, ma anche amare, di sfogo, per l’incomprensibile silenzio epistolare, interrotto, solo, dal decesso di Francesca. La lettera, scritta da Londra, in data 17 marzo 1838, è molto interessante e ci offre uno spaccato del dramma interiore vissuto dal Nostro. Significative, molto significative, sono le seguenti parole: “Ricordati sempre che altra è la vita del dovere, altra la vita del cuore. La prima, benché soddisfi la coscienza, non dà gioia mai, amarezza quasi sempre. La seconda è quella degli affetti e nessuna cosa può sostituirsi agli affetti.”

    Un trasporto amoroso, durato tutta la vita, provò il Mazzini per Giuditta Bellerio Sidoli (Milano, 6 gennaio 1804-Torino, 25 marzo 1871). Si conobbero a Marsiglia nel febbraio 1832 e si separarono, quasi definitivamente, nell’ottobre del 1833. A lei scrive parole infuocate, per lei soffre, anche, di gelosia, di lei parla, specialmente, alla madre; ed ecco alcune frasi, tratte da una lettera del 2 aprile 1835: “Giuditta, la mia Giuditta – che io possa dirti una volta nella mia lingua, nella tua lingua, che mi sei cara, che ti amo disperatamente, che ti amo ogni giorno più, che né tempo, né altro farà mai che io t’ami meno, che penso a te, sempre, sempre, che sogno di te – che vivo per te – che ti ricordo come un prigioniero la patria e la libertà, che da te sola mi vien gioia e dolore: – che t’ho amato e ti amo come né posso dirti, né tu, perdonami, puoi intendere, né forse è bene che tu intenda…”. Giuditta Sidoli è una delle grandi eroine del nostro Risorgimento; mazziniana fervente, è stata perseguitata, spiata, incarcerata ed espulsa da varie città italiane, fino al soggiorno tranquillo a Torino, nell’ultimo decennio della sua vita. Da Lugano, l’anno precedente la sua morte, avrà per lei morente parole commoventi, solenni e immortali, che vale la pena di trascrivere: “Amica, voi soffrite e siete gravemente inferma. Vi conosco forte, rassegnata e credente. Nondimeno, anche il sapere che il pensiero di un antico amico veglia intorno al vostro letto può esservi caro e darvi un minuto di sollievo. In quel caso, sappiatelo: non ho mai cessato di pensare a voi, di stimarvi e di amarvi come una delle migliori amiche che io abbia incontrato sulla mia vita. Voi durerete, spero, ma s’anche doveste allontanarvi da noi, voi non dovete temere di quella che gli uomini chiamano morte e non è che trasformazione. Rivedrete un girono quei che amate e che v’amano. Fidate in Dio, nella sua legge e nella pura vostra coscienza. Date un pensiero anche a me e beneditemi. Io non oso farlo, ma l’anima mia è con voi. Vostro amico Giuseppe.”

    Abbiamo fatto solo alcuni piccoli cenni alla vita intima del grande patriota Giuseppe Mazzini. Sarebbe importante, ne siamo convinti, soffermarci su alcune lettere indirizzate alla madre, specie quella in cui ci narra della visita alla camera squallida abitata un tempo da Rousseau nell’isola di Saint-Pierre, ove “il genio, alle prese con la miseria, è stampato in tutta quanta la camera”. Sarebbe interessante leggere l’analisi critica che fa, sempre alla madre, del Marco Visconti di Tommaso Grossi, in cui troviamo il vigoroso e scintillante linguaggio di Francesco De Sanctis. Dovremo, purtroppo, tacere delle lettere indirizzate agli amici, come, ad esempio, la prima che ci sia giunta, dell’estate 1824, che ha come destinatario Giuseppe Elia Benza (1802-1890), un autentico sfogo romantico, di stampo ortisiano. La figura di Giuseppe Mazzini è, nel suo insieme, complessa, ma autentica e vera, graniticamente protesa verso l’ideale, anche se tormentata dall’incertezza, dagli scoramenti e dal dubbio. Mazzini fu uomo solo, anche se attorniato da amici. Morì il 10 marzo 1872 a Pisa, ove era giunto in incognito un mese prima, presso i Rosselli. I funerali furono un trionfale viaggio pubblico, per ferrovia, sino a Genova. Mazzini affascina perché tentò di evitare sia l’abisso dell’incertezza che la prigione della fede statica. Dallo sforzo di ottenere i duplici benefici della sicurezza e della libertà deriva il lascito proteiforme che fa di lui un uomo per tutti i tempi.” (Roland Sarti, Giuseppe Mazzini, Mondolibri, 1997)

    Giovanni Giosuè Chiesura


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      BUONMESE di Giansandro Rosasco - Terremotati (si nasce)

      Sto giro voglio parlare dei terremotati, non delle povere anime del centro Italia ma dei personaggetti che non perdono occasione per dimostrarsi tali. Da quella del Gr...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...