EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO vendo cassapanca, armadio...
    • VARIE cerco appassionato/a di a...
    • VENDO vendo stampante hp deskje...
    • VENDO vendesi lampadario stile ...
    • VENDO vendesi quadro madonna eu...
    • VENDO vendo lampa da piantana e...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualità

    18 Agosto 2011 | in categoria/e attualita

    BUCCE DI PATATE: PILLOLE DI GUERRA - I comitati Pro Patria e la generosità dei liguri del Sudamerica. E di quando in beneficenza ci andava davvero tutto

    BUCCE DI PATATE: PILLOLE DI GUERRA - I comitati Pro Patria e la generosità dei liguri del Sudamerica. E di quando in beneficenza ci andava davvero tuttocomitato sigari

    Con l’inizio della Prima Guerra Mondiale in tutta Italia si manifestò un comune sentimento per il sostegno morale ed economico dei soldati al fronte, nonché delle famiglie degli stessi soldati. In molti casi, infatti, le famiglie italiane si erano trovate in serie difficoltà economiche in conseguenza dell’assenza dell’unica fonte di reddito, fosse un padre richiamato o un figlio di leva. La guerra per la prima volta coinvolgeva l’intera nazione e la popolazione era chiamata, sempre più, a dare il suo contributo al conflitto. In ogni località del nostro paese si moltiplicavano le iniziative e gli eventi in favore dei soldati; sorgevano comitati locali e nazionali, tesi a mantenere vivo il fermento e il consenso delle popolazioni verso le scelte strategiche del governo in guerra. Una conferma di questo fervore l’abbiamo trovata, a carattere locale, ricercando nell’Archivio Storico del Comune di Bogliasco, attualmente in fase di sistemazione. Il 23 maggio 1915, vigilia dell’entrata in guerra, si riuniva, infatti, a Bogliasco, per la prima volta, il Comitato Pro Patria, istituito una settimana prima, dal Consiglio Comunale.  Tale Comitato era formato dalle persone più in vista del paese, tra le quali il Sindaco Emanuele Mezzano, il Parroco, rappresentato dal facente funzioni don Pietro Bruzzone, essendo il titolare della Parrocchia deceduto poche settimane prima, il medico condotto Ernesto Risso. L’attività del Comitato, documentata dai verbali delle riunioni, dai libri cassa e dalle numerose lettere inviate e ricevute, tuttora conservate, è subito intensa, nominando subito rappresentanti di quartiere che promuovano la raccolta di fondi in paese. Alle donne di Bogliasco è chiesto di confezionare fiori e nastrini tricolori, che le ragazze del paese si impegneranno a vendere; ma soprattutto è chiesto il confezionamento di indumenti di lana da inviare al fronte.  Il 21 agosto è organizzato un concerto benefico nell’Oratorio di Santa Chiara, con posti numerati al prezzo di 1,20 Lire (circa cinque euro attuali); purtroppo non ci è dato di sapere il genere di concerto presentato, ma l’incasso di 300 Lire (oltre mille euro attuali) conferma il successo di pubblico. Il Comitato inizia ad inviare pacchi ai soldati al fronte e ad elargire sussidi mensili alle famiglie, sussidi che variano dalle 3 alle 10 lire. Nel mese di ottobre si pensa di coinvolgere nel Comitato anche i cittadini di Bogliasco emigrati in Sudamerica che, bisogna dirlo, rispondono all’appello con slancio veramente fraterno. A Lima, in Perù si costitusce un apposito Sottocomitato che nel settembre del 1916 invierà ben 2.416 lire che, rivalutati a oggi, vanno ben oltre gli ottomila euro. I verbali delle sedute del Comitato di Bogliasco testimoniano una continua attività di aiuto alle famiglie ed ai soldati, dando sostegno anche ad altri Comitati costituitisi in Italia: già nel 1915, ad esempio si era costituito a Roma il “Comitato Nazionale per sigari ai Soldati Combattenti”, presieduto dal principe Pietro Lanza di Scalea. Questo comitato, come dice la lettera pervenuta a Bogliasco si proponeva “lo scopo di raccogliere fondi per provvedere alla fornitura di sigari pei nostri bravi soldati che combattono al confine”. Oggi, certamente, una simile iniziativa sarebbe bocciata in modo inesorabile, ma allora veniva così motivata questa iniziativa “Voi sapete che sotto la tenda, quando cala la sera, il soldatino che ha fatto al giorno il suo gran dovere verso la Patria, corre col desiderio dietro l’azzurra spirale del suo sigaro alla casetta lontana dove la dolce famiglia pensa e parla di lui… E vorreste voi privare di quest’ora di sogno e di fantasia il nostro soldatino?”
    Il Comitato era anche molto rigido e severo   nel novembre 1917, non si faceva scrupolo di togliere il sussidio a tre soldati dichiarati disertori. Commovente poi una lettera datata “Dalla Trincea 30 dicembre 1916” e indirizzata al Comitato dove il soldato Luigi Ferrari si scusa per “il ritardo di risposta al vostro tanto gradito augurio, causa che mi trovo in luoghi un po’ brutti ma per fortuna sano e salvo. (…) Colla speranza di presto poter giungere fra voi chiudo la presente stringendo la mano destra di tutti i componenti di questo benemerito Comitato e mi firmo vostro per sempre concittadino Luigi Ferrari”. Quelle mani non potrà mai stringerle perché Luigi otto mesi dopo, il 30 agosto, cadrà sulla Bainsizza. Il Comitato Pro Patria cesserà la sua attività nell’aprile 1923, pubblicando in un opuscolo il resoconto di otto anni di lavoro. Ebbene, su quasi 42 mila lire dell’epoca raccolte, poco meno di 41 mila lire furono destinate ai soldati ed alle loro famiglie e meno di mille lire furono le spese di gestione. Un esempio per chi oggi gestisce certe Onlus, con spese che superano la metà delle entrate.

    Tratto da CORFOLE! del 8/2011, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


    Altre immagini collegate alla notizia:

    cartolina dal frontecartolina dal fronte

     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...