EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE privato affitta a carasco...
    • VENDO vendo causa traslico ster...
    • VENDO opel astra 2015 16 dci mo...
    • IMMOBILIARE cerco casa indipendente, ...
    • VENDO cell wind doro liberto ac...
    • VENDO vendo 2 tende da sole x p...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Ossibuschi alla milanese

    Per 4 persone: ossibuchi di vitello (anche di vitellone a condizione che non sia carne appena macellata), 50 grammi di burro, 1 cucchiaio di olio extra vergine d'oliva, farina, 100 grammi di cipolla, ...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualità

    09 Luglio 2011 | in categoria/e attualita

    Bucce di patate: PILLOLE DI GUERRA - I ricordi dei soldati ma anche temi caldi come l'ospedale e la bomba di Recco rivisti attraverso poesie e racconti

    Bucce di patate: PILLOLE DI GUERRA - I ricordi dei soldati ma anche temi caldi come l'ospedale e la bomba di Recco rivisti attraverso poesie e racconti

    Ogni terzultimo mercoledì del mese la biblioteca civica Ippolito d’Aste, di concerto con l’assessorato alla cultura del comune di Recco, ospita un gruppo di persone variabili di volta in volta per condividere la passione della scrittura. Gli incontri di marzo e aprile hanno riguardato temi scottanti per la popolazione e l’amministrazione: le due bombe della seconda guerra mondiale rinvenute nei lavori di scavo e la chiusura dell’ospedale. Il gruppo “Anna di Vienna” deve il nome alla fondatrice Anna Sparviero, insegnante genovese, che alcuni anni fa diede il via a Nervi alla rassegna di incontri, che si diffusero nella biblioteca di Recco e e poi in quella Millenaria di Ruta.
    Nell’incontro dal titolo “Io sono la bomba” sono emersi i ricordi legati alle emozioni provate durante lo sfollamento del periodo bellico. Si è parlato di sciacallaggio, quando la gente spinta un po’ dalla fame, un po’ dalla disperazione, o semplicemente per vandalismo, si accaparra quanto riesce a trovare e distrugge quando non trova nulla. A Recco, durante la guerra, uno dei prodotti più ambiti era la legna, usata come combustibile e per svariati altri usi. raccontano i fratelli Gloria e Gildo. La famiglia Barbieri abitava a San Rocco di Camogli, luogo idoneo per “darsi alla macchia”, quindi zona battuta dai tedeschi, i quali talvolta entravano in confidenza con gli abitanti del posto. “Girava un soldato tedesco, probabilmente un polacco arruolato nelle truppe naziste, conosciuto come Antonio, ed era facile alle sbronze, tanto che i suoi ruzzoloni nelle fasce erano diventati popolari, soprattutto perché dopo aver scarpinato la terrazza per rimettersi in strada, cercava di darsi un contegno dicendo a chi lo guardava “fatto carrozzella!”
    «I giovani soldati polacchi erano molto numerosi a Camogli - spiega Liliana, che all’epoca della guerra era una bambina biondissima - tra questi ve n’era uno che mi aveva preso in simpatia perché gli ricordavo una nipotina e ci portava sempre cibo. In generale tutti si facevano voler bene e quando dovettero partire per andare a combattere a Cassino, i camogliesi li salutarono con le lacrime agli occhi.»
    Questo è il lato umano della guerra, dove anche i soldati si trovano a combattere contro la propria volontà e ricercano lembi di patria in un paese straniero. Succedeva che nei campi di concentramento i kapo soddisfacessero le esigenze dei tedeschi, a scopo di salvare la pelle: «Mio cugino aveva inventato un sistema che avrebbe rivoluzionato il campo delle radiocomunicazioni – racconta Carlo di Genova - ma il proprio genio non poté aiutarlo, anzi, servì agli scopi utilitaristici dei nazisti, mentre lui morì come deportato nei campi di Mathausen.»
    C’erano poi coloro che stavano dalla parte dei fascisti, pur di mangiare e sperare di non venire ammazzato, erano i cosiddetti “traditori”, come il noto “Spiotta”, un fascista della Fontanabuona che perlustrava le case per controllare se c’erano partigiani. O ancora chi non temeva di affrontare a muso duro i tedeschi e con coraggio sosteneva i propri diritti, come racconta Rita di Uscio: «Dei miei parenti avevano un bar e vi andava sempre un tedesco a bere birra, ma non voleva mai pagare, la proprietaria del locale non si fece intimidire, si rivolse alle forze dell’ordine e si fece rimborsare dei debiti lasciati dal nazista.»
    Nell’appuntamento “Morte di un ospedale”, indignazione e rabbia sono stati i sentimenti emersi negli scritti: «Non posso dimenticare il 7 settembre 81, quando, nel fervore dei festeggiamenti della Sagra del Fuoco, all’ospedale scoppiai di gioia al grido di nascita di mio figlio Riccardo» - racconta Luzzy. E nel racconto di Gildo si vive la morte dell’ospedale come il 28° bombardamento: «[…] Ventitré marzo 2011, ore sei del mattino, Recco: nessun sibilo incrina l’aria di cristallo, nessuna esplosione scompiglia il volo dei gabbiani. Silenzio. Ore sei e zerouno del mattino: una bomba solamente. Subdola, infingarda, insidiosa, metaforica, bastarda e meschina…ha colpito in silenzio l’ospedale di Recco. Una bomba sola, per la morte di un ospedale, e la memoria non può esimersi dal correre con subitaneo dolore a quei ventisette bombardamenti che già devastarono la città»
    Cristina Parente
    Commenta e inoltra

    Tratto da CORFOLE! del 7/2011, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      BUONMESE di Giansandro Rosasco - Terremotati (si nasce)

      Sto giro voglio parlare dei terremotati, non delle povere anime del centro Italia ma dei personaggetti che non perdono occasione per dimostrarsi tali. Da quella del Gr...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...